Il 20 aprile il grande evento

Il Papa a Molfetta, la messa nei pressi di piazza Minuto pesce

L'atterraggio è previsto nella zona retrostante il Duomo, poi in papamobile Papa Francesco arriverà sul luogo della celebrazione

Attualità
Molfetta martedì 13 marzo 2018
di La Redazione
I lavori in corso nei pressi di piazza Minuto pesce in vista dell'arrivo del Papa
I lavori in corso nei pressi di piazza Minuto pesce in vista dell'arrivo del Papa © n.c.

Dopo il sopralluogo della prefettura pontificia e della gendarmeria vaticana, arrivano importanti novità sulla celebrazione del Papa per ricordare don Tonino Bello.

Ebbene, il 20 aprile Papa Francesco officerà la messa in onore del nostro amatissimo vescovo non da banchina Seminario, come inizialmente previsto, ma dall’area antistante piazza Minuto Pesce. All’incrocio, cioè, tra via Cifariello, via San Domenico e via Dante.

L’indiscrezione, in realtà, non costituisce una novità. Già da settimane si parlava di questa possibilità, che ora sembra essersi tramutata in realtà. La scelta è ricaduta su quella location perché lì si ritiene possa essere consentito al maggior numero possibile di fedeli di assistere alla messa.

Il Papa, stando a quello che abbiamo appreso, atterrerà in elicottero nella zona retrostante il Duomo, e da lì, in papamobile, raggiungerà il palco da cui celebrerà la messa, con accanto la statua della Madonna dei martiri.

Sono in via di definizione, infine, le modalità di accesso all’area per l’occasione. Nei prossimi giorni anche questi dettagli saranno definiti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mele annq ha scritto il 14 marzo 2018 alle 16:09 :

    Ma tra tante location proprio li... La gente per vederlo cadrà in mare... Facci Na grazia papa Francesco.... Rispondi a Mele annq

  • salvatore Azzollini ha scritto il 13 marzo 2018 alle 16:55 :

    Infatti ,questo è il Miracolo di Papa Francesco a Molfetta......aver ripristinato il piazzale antistante il Mercato pesce, che era una INDECENZA sconnessa da rompersi le gambe Rispondi a salvatore Azzollini