Molfetta - martedì 19 gennaio 2016 Attualità

"Lo farei bambino, già alto e severissimo"

Checco Zalone e la nuova idea: “La prossima interpretazione? Riccardo Muti...”

Il comico ne parla in un'intervista al settimanale "Sette"

Riccardo Muti e Checco Zalone © n.c.
di La redazione

Lo dice in coda all’intervista, ma l’assist è troppo bello perché quella battuta non diventi titolo. Checco Zalone, nel contesto di un articolo pubblicato su Sette, magazine che ogni venerdì viene allegato al Corriere della Sera, torna a parlare di Molfetta. E in particolar modo di Riccardo Muti, che di Molfetta è uno dei massimi rappresentanti nel mondo.

Capita, infatti, che Vittorio Zincone, il giornalista che lo sta intervistando, gli faccia una carrellata dei personaggi imitati dal comico (Carmen Consoli, Vasco Rossi, Jovanotti, Giuliano dei Negramaro, ma tanti altri, aggiungiamo noi), e gli chieda implicitamente di annunciare la prossima “interpretazione”.

Ora vorrei interpretare – annuncia Zalone –  il Maestro Riccardo Muti. È di Molfetta. Lo farei bambino, già alto e severissimo. E con la maestra delle elementari che lo chiama…Maestro”.

Le parole sono riprese nel titolo del pezzo, hanno il pregio di far immaginare la scena e il sorriso scappa sin d’ora. Checco Zalone nei panni di Riccardo Muti. La prossima sfida è lanciata.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo