Molfetta - giovedì 16 febbraio 2017 Attualità

Le prime reazioni dell'ambiente politico

Scoppia il caso Inps, "tagli" alla sede di Molfetta?

L'indiscrezione arriva da ambienti assai vicini ai lavoratori.

La sede molfettese dell'Inps © n.c.
di La Redazione

La notizia balza agli onori della cronaca questa mattina e rischia di suscitare non poche polemiche. Secondo indiscrezioni, ci sarà una netta riduzione (pare del 50%) delle attività dell’Inps di Molfetta.

La decisione rientrerebbe nell’opera di razionalizzazione dei costi dell'ente.

In particolare il “taglio” riguarderebbe l’archivio della sede molfettese dell’Inps. Sede, ricordiamo, che non riguarda da vicino solo i molfettesi, ma anche gli abitanti dei paesi limitrofi. Ci riferiamo a Giovinazzo, Terlizzi e Ruvo.

L'indiscrezione inizia a suscitare scalpore e reazioni anche a livello politico.

“È una notizia – afferma per  esempio Nicola Piergiovanni, ex presidente del Consiglio comunale – che mi rammarica non poco, e che si pone sulla scia di altre gravi penalizzazioni per la nostra città. Mi riferisco all’Acquedotto pugliese. La città ha bisogno di una scossa, anche perché la riduzione di un servizio come quello dell’Inps va a danneggiare non poco Molfetta. L’assenza di un’amministrazione, in questo senso, è molto penalizzante”.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
1 Commento
  • maria pisani ha scritto il 17 febbraio 2017 alle 08:06 :
    certe persone le devono mandare via perche sono incompetenti e se gli chiedi qualcosa si mettono pure ad urlare mettiamo gente competente e non chi ruba solo stipendi
Chiudi Non visualizzare di nuovo