L'iniziativa dell'associazione Passione e Tradizione

Scocca l'ora delle quarantane: i bambini alla scoperta delle tradizioni

Installate le quarantane nel centro storico. Con la collaborazione dei piccoli alunni delle scuole materne

Attualità
Molfetta giovedì 15 febbraio 2018
di Adriano Failli
La Quarantana
La Quarantana © Molfettalive.it

Il Carnevale è ormai alle spalle. E tra un bacio e un regalo, nel giorno degli innamorati, comincia la Quaresima.

Se nella notte tra martedì e mercoledì abbiamo assistito alla processione della Croce, che ha dato il via ai tradizionali riti molfettesi, nella mattinata di ieri, sono state allestite le Quaréndéne, i fantocci che rappresentano l’impersonificazione della Quaresima, con volto di una donna e le vesti nere.

All’altezza del cuore, viene posta un’arancia, trapassata da sette piume, a scandire le settimane che mancano alla Resurrezione. Ogni settimana verrà infatti staccata una piuma, fino alla domenica pasquale, quando vi sarà lo scoppio della quarantana, un appuntamento fissato già per le 12.30 del 1 aprile in Piazza Mazzini.

Dietro il recupero di questa tradizione c’è l’attività dell’associazione Passione e Tradizione, che ha rinnovato e rilanciato la collaborazione con le scuole, per la creazione dei fantocci, dopo il successo dello scorso anno.

Le quarantane, infatti, sono state allestite da esponenti delle associazioni, insieme agli alunni di alcune classi delle scuole materne di Levante e Filippetto, delle elementari Zagami e San Giovanni Bosco e di alcuni ospiti dell’Unitalsi. Una grande apertura al territorio per il recupero di un passato spesso dimenticato.

Ma non finisce qui. Per domenica prossima, 18 febbraio, è previsto un altro incontro laboratoriale dedicato ai più piccoli, con l’appuntamento nel cuore del centro storico, in Via Piazza, per poter costruire una propria quarantana di carta. Mentre quelle vere, resteranno appese per le vie di tutto il centro antico fino alla fine della Settimana Santa.

Lascia il tuo commento
commenti