Nel mirino anche il commissario prefettizio Mauro Passerotti

Emergenza neve, fioccano le critiche

La dura nota dell'ex consigliere Roberto La Grasta e dell'ex vicesindaco Bepi Maralfa. Le denunce di alcuni lettori

Cronaca
Molfetta lunedì 09 gennaio 2017
di La Redazione
La strada come una pista di pattinaggio © n.c.

Politici e semplici cittadini. Ci hanno contattato in tanti nelle ultime ore, in privato o con commenti pubblici, con delle note o dichiarazioni, per esprimere un giudizio rispetto alla gestione dell’emergenza neve. Giudizio non tenero.

Molti avrebbero voluto una prevenzione maggiore, un piano diverso. Nel mirino finiscono un po’ tutti, a partire dal commissario prefettizio Mauro Passerotti, che tanti avrebbero voluto presente sin dalle prime ore dell’emergenza, e non solo nella giornata di ieri, soprattutto considerando la prevedibilità della stessa emergenza.

Alcuni avrebbero gradito attenzione maggiore alle periferie, pur prendendo atto dell’impegno della polizia locale e del Centro operativo comunale.

Roberto La Grasta, ex consigliere comunale, componente del Pd, non le manda certo a dire. Pesantissime le sue parole.

“Vergognoso. Il piano di protezione civile – afferma – non è stato applicato. Nel piano di protezione civile è compreso il piano neve, quello applicato e funzionante a fine 2014. Non è esistita l’unità di crisi, il comando dei vigili richiamato telefonicamente, rispondeva con voce guidata segnalando innanzitutto gli orari di ufficio dal lunedì al sabato. Già questo basta e avanza per poter urlare alla vergogna.

Gente bloccata in agro e lasciata là a sperare nello scongelamento di tubi di acqua e gas ed in attesa della corrente elettrica scomparsa per lunghi tratti. Nessuna pagina per segnalare le richieste di soccorso. Una città sul mare e nessuna autobotte a rifornirsi di acqua salmastra.

Marciapiedi impraticabili, liste anagrafiche di residenti anziani e residenti in agro, cercasi. Una coordinamento ad orario, un coordinamento inefficiente che va dal commissario ai dirigenti e sino al comando della polizia locale, senza passare per gli operatori di protezione civile che si sono spesi autonomamente, fuori orario e fuori coordinamento.

Una vera e propria autarchia che fa spavento. Ringraziamo Dio che non siamo zona sismica e che la solidarietà fa rima con molfettesità”.

Un lettore ci ha scritto esprimendo il suo rammarico anche per la situazione dei rifiuti. “Vorrei sottolineare – dice – la sporcizia in cui versa la città dovuta alla presenza di buste gialle del differenziato della plastica presenti dappertutto da venerdì sera.

Posso capire le difficoltà dell’ASM nel circolare con i propri mezzi ma la popolazione doveva essere avvisata di non provvedere all’esposizione dei rifiuti esternamente perché gli operatori non sarebbero passati. Non c'è stato alcun comunicato neppure sui social media. Ovvio che ci poteva attendere una situazione del genere ma non tutte le persone riescono a comprendere come comportarsi in queste condizioni per cui abbandonare esternamente i rifiuti è deleterio per la situazione ambientale e sanitaria della nostra cittadina”.

Per poi tornare all’emergenza meteo in senso stretto. “Abito nel quartiere della Madonna della Rosa e in questi giorni la neve, a parte far contenti quei pochi bambini, che potevano uscire perché non ammalati, molti disagi ha prodotto verso le categorie dei cittadini più deboli come anziani e gli stessi bambini.

Noi cittadini di questo quartiere, soprattutto per chi abita al di là della lama, in viale Unità d Italia ecc, siamo stati completamente isolati chiedendo spesso l'aiuto della Protezione civile. Sono davvero scandalizzato e arrabbiato verso coloro i quali vengono pagati dalle nostre tasse e poco fanno per la popolazione civile”.

E se un altro lettore ha segnalato le condizioni dell’incrocio tra via Giacomo Matteotti e via Don Minzoni (“Alle ore 18.45 è una pista di pattinaggio”), c’è chi avrebbe voluto l’utilizzo dell’acqua salata per sciogliere il ghiaccio (“abbiamo tante mare, basta usarlo. Grazie”).

Infine l’ex vicesindaco Bepi Maralfa, che su Facebook va giù duro. “Siamo letteralmente imprigionati – afferma – dalla coltre dell'omissione operativa e non solo da quella del ghiaccio. Una Protezione civile spaventosamente assente prima, durante e dopo gli eventi climatici. Hanno ragione i cittadini a dolersi dello stato vergognoso in cui versano le strade di Molfetta e torto marcio coloro i quali vorrebbero lo spalamento del proprio orticello col metodo "fai da te". Qualche sciocco scrive di "starsi a casa" quando domani per tutti è giornata di lavoro. La Protezione civile è un diritto del cittadino e un dovere per le istituzioni”.

Lascia il tuo commento
I commenti degli utenti
  • Casalino Marta ha scritto il 10 gennaio 2017 alle 10:22 :

    Purtroppo c’é gente che già lunedì doveva recarsi sul luogo di lavoro e a parte le arterie principali la città era ieri una pista da pattinaggio...nn tutti poi arrivano da Molfetta.Purtroppo pur di lavorare c’é chi viene da Ruvo,Corato,Terlizzi e Bitonto e chi più ne ha più ne metta. Questa nn é una polemica ma semplicemente un riportare la negligenza di tutti nel non attuare i piani necessari ad aiutare i cittadini a raggiungere i posti di lavoro che il Prefetto ha fatto riaprire nonostante l’emergenza. La neve esiste in molti paesi d’Italia ,bastava informarsi per come fronteggiarla al meglio senza mandare gente che HA BISOGNO DI LAVORARE a rischiare la vita e le auto .Purtroppo il Prefetto e tutti coloro che lo circondano nn hanno capito che esistono delle responsabilità MORALI nei confronti dei cittadini che mandano a lavoro. Però scuole ed enti pubblici chiusi ieri,noi siamo serie B Rispondi a Casalino Marta

  • cittadino deluso ha scritto il 10 gennaio 2017 alle 08:05 :

    da molfettese resto del parere che Molfetta ha da sempre adottato sistemi comunicativi ed applicativi diversi dai paesi limitrofi e non solo per il caso neve ma in modo generale, eppure essendo un centro piu grande di giovinazzo e bisceglie si sarebbe dovuto avere maggiore accuratezza nel gestire il territorio che.. puntualmente nn avviene ma la cosa che lascia sgomenti è che in ogni situazione politica è sempre chi non governa a lanciare le critiche piu velenose a chi governa senza considerare che quando c’erano non hanno fatto comunque nulla per migliorare Rispondi a cittadino deluso

  • Bernardino de bari ha scritto il 09 gennaio 2017 alle 08:21 :

    Devo dire che negli anni passati,un po si muovevano,per esempio,i netturbini cercavano di rimuovere il ghiaccio dai marciapiedi, adesso potevano chiamare i lavoratori sociali, visto che c’è tanta disoccupazione.Ancora oggi 09/01/2017 è impossibile avventurarsi sui marciapiedi.Poi ci sarebbe tanto altro da osservare, per il momento mi fermo qui. Rispondi a Bernardino de bari

  • Bepi Maralfa ha scritto il 09 gennaio 2017 alle 08:12 :

    Bene ha fatto Molfetta Live a recepire le doglianze dei cittadini avviando una corretta inchiesta verità. . Per il resto, comprendo bene e mi associo alla rabbia ed alla denuncia dell’Avv. La Grasta già presidente della Commissione consiliare che si occupò del nuovo Piano di Protezione civile , anche alla presenza del responsabile del Nucleo istituito in seno al comando di polizia municipale, tenente Gaetano Camporeale. In pratica abbiamo lavorato e lavorato, ma ci siamo soltanto presi in giro. E di questo qualcuno dovrà rispondere dinanzi alla Città ed ai competenti organi di giustizia. Rispondi a Bepi Maralfa

  • Ricerche Radiologiche ha scritto il 09 gennaio 2017 alle 08:07 :

    Sono arrivati da noi pazienti da tutta la Puglia ( Canosa, Barletta, Bari, Ruvo...) criticando la città per essere l’ UNICA in queste condizioni. Che peccato essere sempre un esempio negativo. Dispiace soprattutto per pazienti che affrontano rischi essendo già in situazioni complicate. Davvero non si poteva agire meglio in città ?E’ giusto annullare appuntamenti a persone che stanno male perché non sappiamo garantire l’agibilità delle strade? Rispondi a Ricerche Radiologiche