La celebrazione

La caserma della Gdf intitolata a Michele Vallarelli

Si è svolta oggi la cerimonia, alla presenza dei vertici militati, civili e religiosi

Cronaca
Molfetta mercoledì 16 maggio 2018
di La Redazione
La benedizione del vescovo Monsignor Cornacchia
La benedizione del vescovo Monsignor Cornacchia © Guardia di Finanza

Si è svolta oggi a Molfetta la cerimonia di intitolazione al finanziere Michele Vallarelli, medaglia di bronzo al valor militare della caserma sede della locale tenenza della Guardia di finanza.

La cerimonia ha avuto inizio con la resa degli onori al comandante regionale Puglia della generale di divisione Vito AugelIi, che ha preso posto tra le autorità politiche, civili, religiose e militari intervenute numerose all’evento.

Dopo la lettura della motivazione della decorazione militare, conferita al militare di origine terlizzese, il generale Augelli – alla presenza di Salvatore Vallarelli e di Isabella Mininni, rispettivamente figlio e nuora del militare decorato, ha proceduto alla scopertura della targa in marmo sulla quale è incisa la descrizione del fatto d’armi risalente al 1942 durante la difesa militare del Porto di Bari dal tentativo dei militari tedeschi di minare gli approdi e le strutture portuali di servizio.

A seguire, la targa è stata benedetta dal vescovo della diocesi di Molfetta Mons. Domenico Cornacchia.

Il comandante provinciale della Guardia di finanza di Bari, generale di brigata Nicola Altiero, nel suo intervento, ha sottolineato il valore militare di un finanziere che, con coraggio e virtù, ha adempiuto il proprio dovere fino all’estremo sacrificio della vita, il cui ricordo resterà vivo nella cittadinanza e nei finanzieri in servizio, attraverso l’intitolazione della caserma, già sede della tenenza dal 2005. L’immobile, di proprietà comunale, ospita infatti le Fiamme Gialle da oltre un decennio.

Proprio all’amministrazione comunale di Molfetta, rappresentata dal sindaco Tommaso Minervini, è stata espressa la gratitudine per aver colto appieno la concreta opportunità di migliorare e rafforzare la presenza del corpo nella città, a tutela dell’economia, del libero mercato e della legalità.

L’evento si è concluso con la consegna agli eredi del finanziere Michele Vallarelli, da parte del comandante regionale, della pergamena della determinazione del comandante in seconda della Guardia di Finanza, che dispone l’intitolazione della caserma di Molfetta.

Lascia il tuo commento
commenti