L'appuntamento venerdì alle ore 20

#MimìCapatosta, il 17 Novembre la presentazione presso la Libreria Il Ghigno

Il libro racconta la storia di Domenico Lucano, unico italiano fra i più 50 influenti al mondo

Cultura
Molfetta martedì 14 novembre 2017
di La Redazione
Domenico Lucano
Domenico Lucano © n.c.

Dalla passione per le storie, ecco quella di Domenico Lucano, unico italiano fra i 50 più influenti al mondo. Scoprirete il perché durante la presentazione del libro, con l’autrice e giornalista Tiziana Barillà, #MimìCapatosta,Venerdì’ 17 Novembre ore 20.00, presso la Libreria Il Ghigno

«La vera utopia non è la caduta del muro, ma quello che è stato realizzato in Calabria, a Riace. È un’esperienza locale che però ha una valenza globale. È un insegnamento rivolto al mondo» dice Wim Wenders.

"E' iniziato un nuovo processo, un processo locale e globale. E nei territori si è fatta strada l'idea che fosse possibile cambiare partendo dalla base, l'idea di prendere parte a un'ipotesi: il governo locale. Così è stato per me, così è stato per Riace.

Spesso mi ritrovo a pensare cosa rappresentino oggi quelle idee. Attorno a che cosa si possa costruire quel sogno proletario e mi ritrovo a rispondere: intanto, oggi c'è Riace. Che è un'idea, una delle poche esperienze partite in quegli anni e da quel movimento. Oggi possiamo dire che è riuscita."

E' con queste parole che Mimmo Lucano, detto anche Mimmo il curdo, dà il via alla storia della sua terra, di quell'utopia della normalità sviluppata in 15 anni d'impegno sociale e istituzionale raccontatata nel libro della giornalista e scrittrice Tiziana Barillà dal titolo "Mimì Capatosta". Capatosta.

Non è testardaggine quella di Lucano, bensì la volontà integerrima di rendere sostanza un mondo basato su giustizia sociale, umanità, mutualismo al punto da rigenerare un borgo che rischiava di scomparire, applicare il principio di acqua bene comune, ricostruire un circuito economico locale con la nascita di botteghe artigianali, rendere la sua città una grande casa messa a disposizione per tutti i migranti che lo richiedono.

Il modello Riace non è perfetto, così come lo stesso primo cittadino dichiara a ogni incontro e intervista, ma è un punto di riferimento per tutti coloro che intendono costruire un orizzonte comune con meno disuguaglianze e maggior prossimità verso l'altro, distante da quel vento di veleno, rabbia, paura, che attraversa oggi l'Europa.

Venerdì 17 novembre, grazie alla disponibilità della Libreria Il Ghigno di Molfetta, sarà possibile raccontare, parlare, discutere di questa incredibile esperienza assieme all'autrice Tiziana Barillà.

L'incontro pubblico, gratuito e aperto a tutti, avrà inizio alle ore 20.00 presso il Ghigno, via G. Salepico 47. L'introduzione della serata sarà affidata a Gabriele Vilardi.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette