A partire dal 2004, ogni febbraio sipromuove l’uso sicuro e positivo della tecnologia digitale

Uso consapevole della tecnologia, l'iniziativa della "Manzoni-Poli"

​Il 7 febbraio tutta la comunità scolastica della scuola media Poli si è raccolta per riflettere sul rispetto,tema del Safer Internet Day (SID) 2018.

Cultura
Molfetta mercoledì 14 febbraio 2018
di La Redazione
Un momento dell'incontro alla
Un momento dell'incontro alla "Manzoni-Poli" © n.c.

Il 7 febbraio tutta la comunità scolastica della scuola media Poli si è raccolta per riflettere sul rispetto,tema del Safer Internet Day (SID) 2018. Si tratta di un evento internazionale, organizzato dal network Insafe/INHOPE, con il supporto della Commissione europea.

A partire dal 2004, ogni febbraio sipromuove l’uso sicuro e positivo della tecnologia digitale, specialmente tra i bambini e gli adolescenti. Celebrato il secondo giorno della seconda settimana del secondo mese, ogni anno il Safer Internet Day unisce milioni di persone, con iniziative e attività in tutto il mondo, per ispirare una fruizione consapevole, cioè responsabile, competente, rispettosa, critica e creativa della rete.

Ciò è possibile solo attraverso la partecipazione delle famiglie, dei docenti, delle aziende, dei politici, perché ciascuno si senta investito della propria responsabilità nel creare una navigazione online migliore.

Per celebrare il potere positivo di internet, il tema del Safer Internet Day 2018 è stato:

“Crea, connetti e condividi rispetto. Un Internet migliore inizia con te!”

L’IC Manzoni Poli, unico fra gli istituti comprensivi di Molfetta iscritto al SID, interpretando lo spirito della Giornata Mondiale per la Sicurezza in Rete, ha partecipato con

  • Interventi didattici in orario curricolare del Dipartimento di Lingue Straniere della Scuola “Poli”;
  • un’azione dal titolo: Legge-Rete!

Per tutto il pomeriggio, docenti, studenti e genitori hanno condiviso riflessioni personali a partire dalla lettura di testi, dall’ascolto di brani musicali e dalla visione di brevi video a tema.

L’esperienza comunitaria è stata aperta dalla testimonianza della sorella di uno studente, Lorena Sancilio, che durante l’adolescenza è stata vittima di bullismo e cyberbullismo, ma ha saputo superare ed elaborare questo momento di difficoltà grazie al supporto della famiglia e alla passione per il canto. La canzone scritta da lei, infatti, dal titolo “Vai via” è un atto di affermazione della propria dignità di persona contro tutti i tentativi di offenderla e sminuirla ed è un dono che Lorena ha lasciato ai presenti come segno di resilienza e di forza, che possono maturare da esperienze in cui la mancanza di rispetto scuote l’identità individuale, specie quella di giovani in formazione.

Sulle varianti semantiche della parola “rispetto”, infatti, e sulle conseguenze etiche che hanno dentro le dinamiche di gruppo, soprattutto, ma non solo, tra adolescenti, ha richiamato l’attenzione ilDirigente Scolastico, Prof. G. Ragno che ha dato il via al reading Legge-Rete! con alcuni passi tratti da “Il signore delle mosche” di William Golding. Nel commento il Dirigente ha sottolineato l’impegno dell’IC Manzoni Poli nell’educazione alla legalità, sia con il Piano di prevenzione e contrasto al cyberbullismo, sia con l’adesione alle iniziative di Libera previste per Marzo, auspicando che esperienze come quelle offerte dal reading contribuiscano a creare quel senso di prossimità e di comunità che sono il miglior antidoto alla prepotenza e alla violenza. Così alla rapidità e alla superficialità, spesso delle relazioni online, all’anonimato e alla violenza della prepotenza online, l’Ic Manzoni Poli ha offerto un momento di connessione, di relazione in presenza.

In circle time, gli studenti con i propri genitori e docenti hannocondiviso le proprie riflessioni nello spirito di Manitonquat: “Siamo diventati umani – e saggi – quando abbiamo cominciato ad unirci in cerchio, asoltandoci l’un l’altro”.

Lascia il tuo commento
commenti