L'iniziativa di Sara Allegretta, assessore alla Cultura, in collaborazione con l'associazione Legni Pregiati

"Piano & Friends", la staffetta della musica in una giornata speciale

Dalle 17 fino a tarda sera, sabato Molfetta si trasformerà in una sala concerti itinerante

Cultura
Molfetta martedì 12 giugno 2018
di La Redazione
L'assessore alla Cultura Sara Allegretta durante la presentazione di
L'assessore alla Cultura Sara Allegretta durante la presentazione di "Piano & Friends" © n.c.

Quattro angoli di Molfetta per altrettanti momenti di alta musica. Un concerto itinerante, “en plein air”, lontano dalla solennità dei teatri e delle cattedrali, per farsi fecondamente strada e tutt’uno col pubblico. È l’idea sottesa a “Molfetta Piano & Friends”, l’iniziativa dell’assessorato alla Cultura in collaborazione con l'associazione culturale musicale Legni Pregiati, in programma sabato 16 giugno dalle ore 17 e presentata ieri nella sala stampa di palazzo Giovene.

Si partirà dalla chiesa di San Berardino, in cui si esibiranno giovani promesse molfettesi e affermati pianisti in ambito nazionale e internazionale, tra le note dei più importanti autori contemporanei e del passato. Si alterneranno Gianluca Palombella, Gaia Minervini, Aurora De Tullio, Giorgio Trione Bartoli, Carlo Angione, il duo Mahrez-Volha e il Daimon Trio. Alle 19.15, nell’auditorium San Filippo Neri, toccherà a Mirko Signorile, eccellenza pugliese da anni attivo sulla scenal jazz nazionale, accompagnato per l’occasione dall’orchestra giovanile “Gabrielle Cipriani” diretta dal maestro Annalisa Andriani.

Alle 21.15 il testimone passerà a Roberto Corlianò, pianista di fama internazionale, esibirsi in un nel chiostro di San Domenico in un concerto per pianoforte e orchestra. Una performance come questa è la massima espressione della fusione dello strumento solista con l’orchestra. Accompagnato dalla Filarmonica Pugliese, interpreterà alcune della pagine più celebri e famose della musica classica con il concerto di Mozart K467, overture e fantasie da opere.

Infine, dalle 23.15, il ritorno a Molfetta di Giovannangelo De Gennaro. Metterà in scena musiche e racconti per viaggiatori straordinari, un percorso che si snoda intorno alle sonorità del pianoforte al quale fanno da contrappunto strumenti medievali come la viella, le percussioni orientali, il salmodiare sacro, il canto leggero e la parola affabulante. Tutto questo nello scenario arabeggiante di cala S. Andrea.

“Molfetta Piano & friends – spiega l’assessore alla Cultura Sara Allegretta – nasce dall’idea della valorizzazione dei luoghi e dei talenti musicali. Abbiamo due orchestre, oltre 100 musicisti, dieci ore di musica. Il piano di declina in quattro modi diversi. È un po’ ciò che accade in tutta Italia, la musica si porta al di fuori di strutture consolidate per coltivare il pubblico del futuro. Abbiamo messo al centro il pianoforte, di solito strumento isolato. Il format è stato molto attenzionato da Bari, lo faranno a fine agosto, noi subito dopo Napoli e Milano. Non so quando ricapiterà per i talenti molfettesi di mettersi in mostra per tanto tempo”.

Lascia il tuo commento
commenti