Finale: sabato 14 luglio

Memorial Sancilio, saranno ancora Morte e Carmine a contendersi il torneo

Due straordinarie semifinali. La Morte ferma il Buon Consiglio, il Carmine la spunta ai rigori contro l'Assunta

Altri Sport
Molfetta mercoledì 11 luglio 2018
di La Redazione
Istantanee dal Memorial Sancilio
Istantanee dal Memorial Sancilio © molfettalive.it

Solo la Morte ferma la Buon Consiglio. Il sogno dell’Assunta s’infrange sui legni e un grande Balestra. Ma che spettacolo con il Carmine! Emozioni infinite!

È proprio il caso di dirlo, le semifinali della VI edizione del Torneo delle Confraternite sono state il miglior spot per la manifestazione. In particolare la seconda gara giocata tra Carmine e Assunta, oltre a inchiodare alla gradinata un gran numero di spettatori (e tanti altri erano assiepati a bordo campo) è riuscita a regalare a questa edizione del Torneo uno spettacolo unico. Forse la migliore gara di sempre della manifestazione. Due compagini che si sono affrontate a viso aperto, alla continua ricerca della rete e della vittoria, un agonismo di altissimo livello tra tifo e applausi a scena aperta per le giocate e la continua e spasmodica rincorsa del risultato.

In avvio la rete di Giuseppe Balestra colpiva a freddo l’Assunta che anziché soccombere si proponeva all’attacco con entusiasmo arrembante. In un batter d’occhio i biancorossi ribaltavano il risultato portandosi sul 4-1. La velocità e le giocate nello stretto dei “fiorellini” coglievano di sorpresa gli avversari che andavano ripetutamente al tiro dalla distanza non trovando la porta in più di una circostanza mentre Capurso, Grosso e Valente sembravano arrivare al tiro con più facilità del previsto. La flessione dell’Assunta arrivava nei secondi 25 minuti complice qualche distrazione di troppo in difesa e le splendide parate di Corrado Balestra che si è opposto alle bordate dei biancorossi in un’infinità di circostanze.

Sulle ali di un ritrovato entusiasmo, il Carmine risaliva la china, impattava e superava gli avversari (5-6) prima che, appena qualche secondo prima del triplice fischio, la realizzazione di Valente non allungasse lo spettacolo di altri dieci minuti. Nel primo tempo supplementare l’equilibrio non si sbloccava, e nemmeno il secondo era capace di decidere la finalista (un gol per parte negli ultimi cinque minuti al cardiopalmo). Sarebbero stati i calci di rigore a decidere chi avrebbe meritato di affrontare la Morte. I biancorossi colpivano tre legni, i violetti riuscivano ad essere appena più precisi ed esultavano al sesto tiro dal dischetto. Alla fine applauso e abbracci fra tutti gli interpreti della gara. Si ripropone così la finalissima dello scorso anno in cui il Carmine dovette soccombere alla Morte.

La stessa Morte che, ieri, nella partita delle 21, ha imposto la legge del più forte alla Buon Consiglio che ha interrotto una cavalcata epica. Gara in equilibrio solo nella prima frazione ma i blu non hanno dato mai seriamente l’impressione di poter invertire l’andamento della gara che ha visto sempre i neri comandare nel risultato. Assunta e Buon Consiglio si affronteranno in uno storico derby che mette in palio la coppa per il terzo posto nel Memorial Nicola Sancilio. Mai la Buon Consiglio, nella storia della competizione, ha potuto lottare per un traguardo così ambizioso, l’Assunta invece ha soltanto sfiorato il terzo gradino del podio (fu proprio il Carmine, nella prima edizione del Torneo, a vincere la “finalina”).

L’appuntamento per le finali è per sabato 14 luglio. Due gare da vivere appassionatamente...

MORTE - BUON CONSIGLIO 5-2

Marcatori Morte: Sgherza G. (3), Messina, Azzollini

Buon Consiglio: Terracenere, Squeo

G. Ammoniti: Lucivero (Morte) e Fanelli (Buon Consiglio)

CARMINE - ASSUNTA 10-9 d.c.r. (7-7) (6-6)

Marcatori Carmine: de Nichilo (2), de Ceglie (2), Balestra G.J. (2), Rana

Assunta: Valente (3), Grosso (2), de Palma F., Capurso

Ammoniti: Rana (Carmine)

Lascia il tuo commento
commenti