Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a case de galéndùemene pràime la fèmmen’è po l’ùemene


In casa dei galantuomini prima le donne e poi gli uomini (in passato le famiglie borghesi preferivano come primogenita la donna)

accattatìnne ùegghie de rigene


comprane olio di ricino (quasi una maledizione a chi ha preteso un somma ingiusta)

acchessì facèvene l’éndàieche


così facevano gli antichi (per giustificare una consuetudine o una tradizione)

acchià la drètte


trovare la via diritta, il rimedio

acciaffete nnénz’è vàiete cé tìene


afferrati avanti e vedi che tieni (detto nei confronti di chi vanta o pretende troppo)

accìse nghènne


ucciso in gola (sottointeso: che tu possa essere ucciso in gola, scannato)

accoghie r’alaive de ndèrre alla nghelenéte


raccogliere le olive da terra inclinàti

acqu’a chéiete ròmbe le punde


acqua cheta rompe i ponti

acqu’a chiare nén pegghià pagure de tronere


acqua chiara non aver paura di tuoni

acqu’a dòppeie mbònn’u cappotte acqu’a fin mbònne la chémmise


acqua pesante bagna il cappotto acqua fina bagna la camicia

acque d’abbràiele spasci’u mégazzàine acque de sciugne abbrusci’u munne


acqua d’aprile sfascia il magazzino acqua di giugno brucia il mondo

a Criste dàiesce fa chiòeve


A Cristo dici fai piovere

ad’accogghie le chelumme dìeste dìeste


…raccogliere i fioroni desti desti (raccogliere con molta accortezza)

a dàiesc’è nudde


il dire è nulla (espressione dei tempi attuali usata per far presente che le parole sembrano poca cosa mentre la realtà è diversa)

addó batt’u vìende nén fasce régnétèiele


dove batta il vento non fa ragnatela

addó u mitte fasc làusce


dove lo metti fa luce (persona valente e capace)

addó vè? Addó me portene re ghémme


dove vai? Dove mi portano le gambe (pretesto per non dire la verità)

ad un’éd une lé morte se le porte


ad uno ad uno la morte se li porta (via, ovviamente)

aguste re strazz’ó musceche


agosto gli stracci sulla spalla

aiutete ca u cìele t’aiàuete


aiutati che il cielo t’aiuta

alaive de ceppal’é chelumme de pennéisce


olive di ceppaia e fioroni di rami penduli

alla féiere t’accatt’u frescechétte cu carvutte


alla fiera ti compro il fischietto col buco (senso metaf.)

alla lémb’alla lémb’a ci mòer’a ci chémbe


alla lampada alla lampada, chi muore e chi campa

Allassemme ca so de Mlefètte


lasciami che sono di Molfetta (cosi dicevano i ragazzi i quali, afferrati per le dita dalle chele del granchio o della pelòese (favollo), cercavano di far mollare la presa dagli aggressivi crostacei)

altèzze mézz’à bellèzze


altezza mezza bellezza

battescià nu ciucce


battezzare un asino (quando s’incontrano tre persone aventi il medesimo nome)

bèlle da fòer’è brutte da inde


bello di fuori e brutto nell’interno

ca digghie scì péiet’a péiete


che tu possa andare di male in peggio

Caiténe Caiténe la paténe ngul’o chéne


Gaetano Gaetano la patata nel sedere del cane

Caiténe Caiténe vu la gatte pe megghiéiere


Gaetano Gaetano vuoi la gatta per moglie

cappotte copr’a defìette


cappotto copre difetti

cé sì méngiate cinghel’è cénghele?


che hai mangiato cavolfiori e orecchiette? (cioè: hai mangiato bene?)

cé sì méngiate cule de gaddàiene?


hai forse mangiato il culo di gallina? (soggetto fastidioso che parla troppo)

che ne picche de facci’a toste tutt’u munn’è ròbb’è noste


con un po’ di faccia tosta tutto il mondo è roba nostra

chère ca acciaffe acciaffe che le dìende


ciò che prendi subito è ben guadagnato

chèsse pass’u chemménde


questo passa il convento (pasto o cibo in tavola su cui non si discute)

chiéngi’u làupe quénn’è buene tìembe


piange il lupo quando è buon tempo

ci acciaffe pràieme acciaffe do volte


chi prende prima prende due volte

ci alla féste nén zì mbetate com’a nu ciucce si trattate


se alla festa non sei invitato come un asino sei trattato

Cicce pasticce


Ciccio pasticcione, confusionario (scherno rivolto a colui che volgarmente viene chiamato Ciccio)

ci fategò nudde s’acchiò


chi lavorò nulla si trovò

ci mégghie pòete mégghie fasce


chi meglio può meglio fa

ci nén’è zupp’è péne bégnéte


se non è zuppa è pane bagnato

ci nén mbòete nén fasce


chi non può non fa

ci nén rische nén rosche


chi non rischia non rosica

ci se légne ave la dciònde


chi si lagna riceve il contentino (soprappiù)

ci troppe vòele nudd’allogge


chi troppo vuole nulla ottiene

come la cund’è la cunde acchessì avev’à scì


come la racconti e la racconti così doveva andare

come s’ha uastat’ù munne


come si è guastato il mondo (riferimento ai tempi moderni e al progresso)

contadìne cerevìedde fìne


contadino cervello fino

crè è fést’è la pup’alla fenéstre


domani è festa e la pupa alla finestra (si riferisce alle signorine o alle ragazze)

Criste le fasc’è u diavele l’accòcchie


Cristo li fa e il diavolo li accoppia

Criste véiet’è prevéiete


Cristo vede e provvede

cur’è nu pover’ad’idde


quello è un poveraccio….

cuss’è u munne de fréc’à fréieche


questo è il mondo dell’inganno (quanta verità contiene questo detto

da cure rùetel’é state trate chèr’a sciònde


Da quel rotolo è stata tirata quella giunta (rùetele è l’antica misura di peso corrispondente a circa un chilo; la sciònde du rùetele è la giunta del rotolo, ciò che il bottegaio dava in soprappiù per contentino oltre il peso richiesto)

dàie sin’è nòene com’o ciucce de Mòndemelòene


di’ sì e no come l’asino di Montemilone

da re còes’a forze se recave la scorze


dalle cose fatte mal volentieri si ricava la scorza

ddo merì u gréieche


qui morì il greco (quando ci si ferma molto)

ddo stè Ròem’è Sénde Sciacque


qui sta Roma e S. Giacomo (cioè la ricchezza)

do òere senénne Cherrare méngénne


due ore suonando Corrado mangiando (espressione popolare che si usava pronunciare in passato quando le campane della chiesa rintoccavano per l’ultima volta annunziando le due ore di notte)

do spetale vè acchiénne re felèddle


dall’ospedale vuoi le filacce

é mégghie nu cule rutte ca nu descurse rutte


è meglio un sedere rotto che un discorso rotto

é mégghie nu mó mó ca nu pó pó


è meglio adesso che un poi

è fèmmene de case


è donna di casa (saggia e lavoratrice)

é mégghie né vevut’a d’acque ca né mézzate de pèiete


è meglio una bevuta d’acqua che una pietrata

é mésce fòere la chémésce


a maggio non mangiare pesce scadente

émminete de facce ndèrre


buttati di faccia terra (accontentati di quanto hai per vivere)

Éndoneie Éndoneie vu d? òeve: aun’è mémmet’è u alt’a sorete


Antonio Antonio vuoi due uova: uno a tua madre e l’altro a tua sorella (invito offensivo a coloro che si chiamano Antonio

é nu ferrétte


è un « ferretto » (persona avara)

é sémbre bròete de cìcere


è sempre brodo di ceci (poco stanzioso)

é volp’a sparate


è volpe sparata (persona astuta e abile)

facce de lun’è chiéiene


faccia di luna piena (si dice alla persona che ha un viso spiccatamente tondo)

falle nu pònde d’òere


fagli un ponte d’oro (stà lontano da una persona cattiva)

fatigh’è fatàigh’è sémbr’alla scalzate vè


lavora e lavora e sempre scalzo va

fatte le cazze taue


fatti gli affari tuoi…ma c’è chi te li fa fare?

febbrare r’acéddere a par’a pare


febbraio gli uccelli a due a due

féiete com’a le chéne mùrete


puzza come i cani morti

féiete de chémbesénde


puzza di camposanto (si dice a chi è malato o malandato)

fèmmen’onéste nén’ésse prime de vréspe


la donna onesta non esce prima di vespo

ficch’é sficche


metti e togli: locuzione dialettale relativa a piccole riparazioni che si eseguono ai muri bisognevoli di rappezzi

fùeche fùeche piggiet’ù vécchi’é démm’u nùeve titte titte èmminue dritte dritte


fuoco fuoco pigliati il vecchio e dammi il nuovo, tetto tetto menalo dritto dritto (così recitano i bimbi per propiziare la crescita dei nuovi denti dopo la caduta di quelli di latte che si buttano tradizionalmente nel fuoco)

gaddin’è vécchie fasce bùen’ùeve


gallina vecchia fa buon uovo

Gémméttiste naziste naziste fasce le figghie ind’o chénistre


Giambattista lesto lesto fa i figli nel canestro (burla per colui che si ritiene più lesto e pronto)

giaggrùesse lé mèmme fasce la grùesse


grassone la mamma fa la focaccia di crusca (scherno a chi è obeso)

gùete quénne pùete ca a seffràie stè sèmbre tìembe


godi quando puoi chè a soffrire c’è sempre tempo

ha date u scechiaff’a Criste


ha dato lo schiaffo a Cristo (chi disprezza ingiustamente la buona sorte)

ha fatte re scòele grosse


ha frequentato le scuole superiori (si dice a chi è colto)

ha fatte vió vió


ha finito tutto prima del previsto

ha rutt’ù asse pe nén prettà la megghiéier’a spasse


ha rotto l’asse per non portare la moglie a spasso

ha scettat’u pràise


ha rovesciato il vaso da notte (ha combinato un guaio)

ha svregugnéte la fémigghie


ha svergognato la famiglia (ha commesso qualche atto vergognoso: esempio la donna che ha preso il volo col fidanzato)

iure de scennére nén vònghen’ind’o pénére chire de frebbrare se palescèscene che re pale


fiori di gennaio non vanno nel paniere quelli di febbraio si paleggiano in abbondanza

la cécca


check (voce italianizzata di assegno bancario introdotta dai molfettesi emigrati in U.S.A.)

la cecorei’a vèrd’o seccat’è bòen’o mélate


la cicoria verde o secca è buona al malato

la chiù lónghe a spelá è la còete


la più lunga a spelare è la coda

la facc’è u spécchie de l’éneme


la faccia è lo specchio dell’anima

la fatàighe se chiéme checozz’è o Mimme né le ngozze


la fatica si chiama zucca e a Mimmo non garba (Mimmo nome immaginario)

la forze de l’omen’è u portafoglie


la forza dell’uomo è il portafoglio

la lusce de Criste


la luce di Cristo (quella naturale

la Madonne t’acchembégne


la Madonna ti accompagni (augurio a persona che parte)

la prim’a megghiér’è scòepe de case la secònd’è gioch’è vase


la prima moglie è scopa di casa la seconda è giochi e baci

la rasciòene se dè alle fìesse


la ragione si dà agli schiocchi

la recchèzze dàure trè générazeiàuene: la prime créie la seconde gòete la térze destràusce


la ricchezza dura tre giorni: la prima crea la seconda gode la terza distrugge

l’areie s’ha fatte suàiete


l’aria si è fatta uniforme e uguale (il cielo si è copero di nuvole al punto da portare pioggia)

la sape longhe


la sa lunga (riferito a persona abile e astuta)

la segnare che re pèipe ngule


la signora col pepe nel sedere (dicesi di una donna assai attiva e vivace)

la sé longhe quénd’a capesciòele


la sai lunga quanto una fettuccia

la vecchiém’e né carogne


la vecchiaia è una carogna (espressione ripetuta sovente dai vecchi, perché questa età è apportatrice di mali)

la vòtt’a chiéien’è u méràiete mbriache


la botte piena e il marito ubriaco

lé méggh’a a vòtte vé ar’aciàiete


la migliore botte va all’aceto

lé morte nén déiene creiénze


la morte non ha creanza (non rispetta nessuno)

le méccarauene se méngene calte calte


i maccheroni si mangiano caldi caldi (determinazione da prendersi subito)

l’étà che l’étà u céiete cu céiete


l’età con l’età il ceto col ceto (cioè ognuno col proprio pari)

le solte fascene l’alte solte


i soldi fanno gli altri soldi (come dire l’acqua va al mare)

méccaròene schenzate


maccherone scondito (persona che non vale nulla)

Mechelòene fav’è còele


Michelone fave e cavoli

mégghie l’ùev’òesce ca la gaddine crè


meglio l’uovo oggi che la gallina domani

mégghie sedà ca scechetà


meglio sudare che sputare

m’émmènghe da sòep’o arve a pìete cucchie com’a Piete Bailarde


Mi butto dall’albero a piedi riuniti come Pietro Berliario (Pietro Berliario era un alchimista salernitano vissuto intorno al XII secolo, famoso nella tradizione popolare per via di opere di magia e atti portentosi compiuti.)

ménnégghi’a re pézze négre


accidenti ai panni neri (espressione imprecativa di deplorazione: si citano le pezze nere per evitare una bestemmia)

mén’o piette péiet’o lìette


mani al petto, piedi al letto

Mérì’a Mérì démme la ghémm’è mi


Maria Maria dammi la gamba mia (espressione popolare per destare paura ai bimbi)

mérze cape de state ci re vó fa re d’ugne de re méne re fasce develà


marzo capo di stato se lo vuol fare le unghie delle mani fa saltare per il freddo

mérze scopr’a defìette


marzo scopre difetti (di salute s’intende)

m’ha levàte nu énne de salàute


mi ha tolto un anno di salute (un imprevisto che ha dato preoccupazzione

mìedeché avvocate acciten’è so pagate


medici e avvocati uccidono e sono pagati

mìere travasate mìere mélate


vino travasato, vino malato

mó avév’alzà la cape


ora doveva alzare la testa (espressione riferita a chi è morto, quasi a voler chiedergli una testimonianza)

mó è la strengetòere de le fischele


ora è la stringitura dei fiscoli (limite estremo della sopportazione)

mórt’a pregate nén véiene


morta invocata non viene

mó sté o munne de la veretate


adesso sta nel mondo della verità (chiara allusione a chi sta nell’al di là)

mùerte sénz’a chémbéne


morto senza campane (quando il morto è un poveraccio senza famiglia, neppure la campane suonano)

mute surde


muto sordo (persona che si finge tale ed è, perciò, infida)

né còes’a sòele nén ze pòet’accattà: la cheltàure


una cosa sola non si può comprare: la cultura

né cròesci’a d’ùegghie


una croce d’olio (modo di condire con parsimonia la minestre)

né le pozze scì nghénne


non riesco a frenarlo

nén av’a lésse mó u chiénd’émére


non si deve piangere ora amaramente, verrà in seguito il momento del rammarico

nén déiene numer’alla porte


non ha numero alla porta di casa (è un malpagatore, difficile a reperirsi)

nén de port’a le chelumme


non ti porto ai fioroni (si dice a colui che è troppo alto e può facilmente cogliere i fioroni dai rami più lontani)

nén’è méle de meràie


non è male da dormire (è cosa da nulla)

nén fasce nudde ca sì crennéuete abbasc’a méngi’è vàiev’è te vieste


non fa nulla che sei cornuto purchè mangi e bevi e ti vesti

nén ne vòele pagghie la ciucce


non ne vuole paglia l’asina (si dice di una persona riottosa)

nén zi dicénne quatte ci nén l’è ind’o sacche


non dire quattro se non l’hai nel sacco

nén zì mbrachènne


non raccontare frottole

nén zò turde de prim’a scéiese


non sono tordo di prima scesa (vuol significare : non sono inesperto al punto da essere gabbato)

nesciùn’amecizeie dure cind’énne


nessuna amicizia dura cent’anni

nesciùnne latre se fasce ricche


nessun ladro si fa ricco

né stè scritt’a libre


non è scritto in nessun libro (non è vero)

Nétale assutte Pasqu’a bégnétte


Natale asciutto Pasqua bagnata (in tal caso il raccolto sarà buono)

nudde cercà nudde refetà


nulla chiedere nulla rifiutare

nu pile de fèmmen’è capace de tra né varch’è mére


un pelo di donna è capace di tirare una barca a mare (questo motto popolare evidenzia chiaramente il potere della donna)

nu sàiete bùene


un sito buono

nu stubete te fasce ràiete è nu stubete te fasce chiénge


uno stupido ti fa ridere e uno stupido ti fa piangere

nuvole de state carità de frate


nuvole di estate carità di fratello (provvidenziale pioggia per la campagna)

òene chéméràte soléménde re d’occhiere


hanno mangiato soltanto gli occhi che hanno visto (cioè restare insoddisfatti, senza aver mangiato nulla)

ognéàune téìene la cazze sàue


ognuno ha i guai suoi

ognédàune tire l’acqu’o meline sàue


ognuno tira l’acqua al mulino suo

ognédune che l’use sue


ciascuno con le proprie abitudini

ogn’è frutte vòele la staggiòen’è sò


ogni frutto vuole la sua stagione

ogn’è morte de Pape


ogni morte di Papa (circostanza, avvenimento eccezionale)

ogn’énn’è stasciòene, viat’a ci la cònde


ogni anno ha le sue particolarità stagionali: beato chi può tranne vantaggio

ogn’è salaute tiene la scéiese


ogni salita ha la discesa (un avvertimento significativo)

ombé ombé Pondalé a lu pescié


frase di scherno riferita a chi si chiama Pantaleo

o méngete chéss’a menéstre o émminete dalla fenéstre


o mangiati questa minestra o buttati dalla finestra

pàiele pecunei’è preteziòene so re trè « P » chiù fùerte


Pelo, denaro e protezione sono le tre « P » più forti

par’à vedè nu Crist’alla chènnèdde


sembra un Cristo alla canna (persona molto dimagrita e malvestita)

parle come t’ha fatte mémmete


parla come ti ha insegnato tua madre (si dice a chi snobba il dialetto e parla l’italiano a modo suo)

Peppòene ogn’è ddàie né caseiòene


Peppone ogni giorno un pretesto

pezzénd’è vezeiàuse


pezzente e vizioso

piacèsse


favorisci (invito ad assaggiare qualcosa in piccola quantità)

pìette seffennéte tiene la forze de nu geghénde


petto sfondato ha la forza di un gigante

pìgghiet’u scerubbe de la quiéiete


pigliati lo sciroppo della quiete (esortazione alla calma)

pòete scì nnénz’o Ré


può andare davanti al Re (un cibo preparato con tutte le grazie)

pover’a cure ché mòere


povero colui che muore

prim’u scresciat’è po’ cavadde


prima la frusta e poi il cavallo (fare le cose gradatamente)

pure la checchevasce dàisce ca le figghie sàuse so le mégghie


anche la civetta dice che i figli suoi sono i migliori

pur’u lestocce fasce re gréne


anche la stoppia fa il grano

quénn’arràieve scràive


quando arrivi scrivi

quénn’arrive alla sesséndine lasse la fèmmen’è pigghie re mìere


quando arrivi alla sessantina lascia la donna e piglia il vino

quénne chiòeve addo stè nén de mòeve


quando piove non muoverti da dove stai

quénne la carne s’ha cótte u bròete


quando la carne si è cotta il brodo si getta

quénne ne vòele addó stimme


quando ci vuole qui stiamo (allusione alla morte)

quénn’u mérit’è provìedde ménghe la megghiéier’u pòete vedé


quando il marito è povero neanche la moglie può sopportarlo

quénn’u munne nén me vòele io mi dò al mio Signòere


quando il mondo non mi vuole io mi do al mio Signore

ràiete mbacci’a Vengìenze


ridi in faccia a Vincenzo (espressione scurrile)

r’alaive so négr’è tèngene


le olive sono nere e tingono

re chiénde du fuare nén ghiéndene nu cùezzel’è né fave


le piante esposte al vento di mare non producono né un baccello né una fava

re nusce vachénde fascene sémbre chiù remèuere


le noci vuote fanno smpre più rumori

re tacchelèdde se fascene da l’arve vìecchie


le schegge di legno si ottengono dagli alberi vecchi (adatte per accendere il fuoco)

re tresche né re vòele la srequare


il veleno non lo vuole il topo (cioè il topo di chiavica)

rizz’è scoglio sénz’a mbroglio


riccio (di mare) e scoglio senza imbroglio

rròbb’arrebbate nén de ne vàite béiene


della roba rubata no godi affatto

salut’a tè paravis’ad idde


salute a te paradiso a lui (consuetudine molfettese nel dare le condoglianze alle persone intime del defunto)

S’amméndéiene a re fragete


si mantiene al fracido (pericolante)

S’a peste re calz’è u cappìedde


ha indossato pantaloni e cappello (quando la moglie ha sopraffatto il marito nel comando della casa)

S’av’acchiate schemegghiat’è nén ze sape ci è state


si è trovato scoperto e non si sa chi è stato

Sbagli’ù prévet’a disce lé mèsse


sbaglia il prete a dire la messa (giustificazione per colui che sbaglia)

scàuse de méle pagatàure


pretesti di cattivi pagatori

scialappe


silenzio, sta’ zitto, non parlare (voce straniera introdotta dagli emigrati molfettesi in U.S.A.)

scì dritte pe dritte


procedere in linea retta, diritto (secondo giustizia)

sciugn’è lugghi’acqu’è nudde ci avéss’a fa arrevèsse fing’alla cugghie


giugno e luglio l’acqua è nulla se dovesse piovere magari arrivasse fino alla coglia

scorze de prevelòene


scorza di provolone

Scuse ca te léieve la paròele dé mmòcche


scusami se ti tolgo la parola di bocca: si dice così quando con garbo una persona si introduce nella conversazione mentre sta parlando un altro

sècche de ferrar’è féme de frabecatàure


sete di fabbri e fame di muratori

se dèl è mén’è brande com’a Sén Bìete


si dà la mano in fronte come S. Pietro (gesto di pentimento)

se fasce stubete pe nén gì alla uérre


si fa stupido per non andare alla guerra (si finge scemo)

S’émmèiene nnénze pe nén gadè


si mena avanti per non cadere (proposta anticipata che serve ad un fine)

sénde mi frìeche


colui che si finge santo per gabbare il prossimo

sénz’a terrise nén ze vè o paravise


senza soldi non si va in paradiso

sghégnète sénz’a dìende vas’u cul’a le pezzìénde


sdentato senza denti bacia il sedere ai pezzenti

si pegghiate cazze per rafene


hai preso c… per rafano (vale a dire una svista madornale)

sì pe l’émòere de Ddàie Criste méie


sia per l’amore di Dio Cristo mio

sò pile de checùmere


sono peli di cocomero (cose di nessuna importanza)

stracchine


« stracchino », cos’ veniva inteso anticamente il comune gelato da passeggio

t’a d’acchimendà nnénze’è dréiete


ti devi guardare innanzi e dietro (l’espressione si riferisce all’attuale traffico automobilistico, invero caotico e pericoloso)

te chénàsche da quénn’iere cerase


ti conosco da quando eri ciliegio (si dice ad una persona di cui si conoscono i difetti)

téiene la cap’a uèrce


ha la testa dai capelli a vortice

téiene la chiacchiarédde


ha la parola facile: si dice a chi ha la parlantina abile e convincente

Téiene la frasch’è moneche


ha la frasca monaca (si dice ad un contadino ammalato)

téien’u còere de la cemenéiere


ha il cuore della ciminiera (nero)

terréien’a palm’è ùemen’a velendà


terreno a palmo e uomini a volontà

Trèn’è un paiàiese de re carte


Trani è il paese delle carte (cioè delle carte bollate perché vi ha sede il Tribunale)

trè tidece tréndénòeve fazz’u cund’è


tre tredici trentanove faccio il conto e non mi trovo

u’artìere sénz’a meténde


l’artigiano senza mutande (perché povero)

u chemménn’à bacchètte


lo comanda a bacchetta (quando la moglie ha preso il potere del comando sul marito)

u chénòsce com’a sétte de denére


lo conosco come il sette di denari (è assai noto)

u fenucchi’a còcchi’a còcchie


il finocchio a coppia a coppia

u forte tra, la corde se spizze


a tirare assai la corda si spezza (si deve fare quello che è possibile)

u grénnezzàuse


il contegnoso (colui che si rende altezzoso)

u méle pass’è addò u trùeve


il mal passo è dove inciampi

u mèule de la vécchie nén mmòere mè


il mulo della vecchia non muore mai

u paravàise sté ndèrre nòene ngìele


il paradiso sta in terra non in cielo

u scarpare vè che le scarpe rutte u chesetòere cu costume strazzate


il calzolaio va con le scarpe rotteil sarto con l’abito stracciato

u péiesce surd’è cure ca nén vòele sendàie


il peggiore sordo e colui che non vuol sentire

u sciuvele vale per salàute


una scivolata vale per salute (l’esperienza insegna)

u sò avaut’u lavatàin’é mu addà tenè


ho avuto il guaio e me lo devo sopportare

u traiàiene meqquàte


il traino rovesciato (fallimento)

u vénde nén déiene la vetrine


la pancia non ha vetrina (ciò che si mangia non si vede)

vàive ca inghie de ghémme


bevi così empi le gambe

vè acchiénne la lun’ind’o puzze


va cercando la luna nel pozzo (cose inesistenti)

vè acchiénne l’èrve ca nén’é néte


va cercando l’erba che non è nata (cose inesistenti)

vè da Ròet’a Pelate


va da Erode a Pilato (sbattuto e agitato in cerca d’aiuto)

vé a pescià sòep’o altare per lésse nemenéte


va a orinare sull’altare per essere citato da tutti (chi vuole procurarsi fama

vè descherrénne sule sàule


va parlando solo solo (chi è preoccupato e abbattuto da guai

viat’a cì te véiete/viat’a c cì te gòete


beato chi ti vede /beato chi ti gode (espressioni popolari di due persone che non si vedono da molto tempo)

vìend’alosteie acqu’è mboste


vento da scirocco di pioggia è composto

viv’a la facce sò


viva la faccia sua (una specie di elogio)

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Molfetta

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno