Economia

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

La città
a cura di Mariella Nanna
profiloSez

L'economia molfettese si basa prevalentemente sull'attività peschereccia e su un'industria ben sviluppata nei settori metalmeccanico, cantieristico, alimentare, tessile, del legno, della pelle e del cuoio, dei materiali da costruzione.

Preminenti sono le attività produttive del porto che vedono la compresenza di quattro settori: peschereccio, cantieristica, commerciale e nautica da diporto. Di questi, il peschereccio è stato storicamente trainante e correlato in maniera integrata con la cantieristica e la commercializzazione del pescato (all'ingrosso e al dettaglio). La pesca ha sempre costituito una valvola di sfogo per la manodopera cittadina e spesso accadeva che il pescatore avesse anche il suo appezzamento di terreno da coltivare per arrotondare il reddito.

Tuttavia, il progressivo depauperamento del mare e i fenomeni di inquinamento hanno ridotto fortemente l'attività di pesca, condizionata anche da norme comunitarie che tendono a ridurre la flotta e a favorire l'esodo del personale. La conseguente rottamazione dei pescherecci ha ridimensionato l'occupazione nel settore e la stessa attività peschereccia, colpita anche da un ingente fenomeno di importazione del prodotto. Tutto ciò ha determinato anche la crisi dell'attività cantieristica, un tempo particolarmente fiorente grazie alla costruzione non solo di navi da pesca, ma anche mercantili (è degno di nota il fatto che la prima barca che attraversò il canale di Suez dopo la sua inaugurazione fu una paranza di Trani costruita nei cantieri molfettesi). Nuovi impulsi positivi al settore della pesca potranno provenire dalla parziale riconversione del settore con la creazione in loco di un'industria di conservazione del prodotto e con la successiva commercializzazione.

L'agricoltura non ha mai avuto un ruolo preminente nell'economia cittadina per la ridotta estensione del territorio coltivabile, per la parcellizzazione della proprietà fondiaria e per la mancanza di industrie di trasformazione del prodotto che viene lavorato altrove. L'unica eccezione riguarda l'olio di oliva: in questo settore infatti oltre agli oleifici ci sono anche esempi di produzioni biologiche certificate. Il discorso cambia per quanto riguarda il settore floricolo, che vanta una delle più grosse aziende del Mezzogiorno, oltre a varie coltivazioni minori.

Il settore primario è, però, destinato ad assumere maggiore importanza in coincidenza con l'apertura del nuovo mercato ortofrutticolo che sarà il secondo del Mezzogiorno per estensione.

Il futuro dell'economia molfettese è oggi affidato allo sviluppo industriale (nel settore della meccanica ci sono già interessanti investimenti) sia per la possibilità di produrre nuova occupazione, sia per l'occasione di impiegare gradi risorse umane e finanziarie presenti sul territorio.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Molfetta

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno