U Pàule - Il Pulo

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di Giovanni Abbattista

Tìembe de sèete ggià mmézz'o mreccàte.
Le bélle frutte pàrene pettate
e rechjêmene u Pàule dê mbònde.
A la demèneche, da “sòtt'o oònde”,
le uêgnengìedde pretténne la carrétte,
le grênne a ccòccje oppùre mbececlétte,
pla vi' du Pàule scèmme nnênz'e ddréete
pe ffà du pàsse e sscì a pegghjà re ssèete.
Paghèmme quatte sòlte pe trasàje
a cchère ca chjêmìmme osceladàje
“la staziona néolìteche” (e indênde
sì, n'ênghjìmme la vòcche tutte quênde);
la vécchja prettecédde de pagghjàre,
u chêne a la catéene, nê caldàre
e ìere come stenète, scênn'abbàssce,
d'àrie de vósche, sòele e chechevàsce.
Scìeve nghêndàte mmézz'o paisàgge
dêndèsche, mó gendàile e mmó salvàgge,
acchjemendìeve attùrne e ssénza sciàje
pre settàile, decìeve: “Ddó nê dàje
òen'avetate l'ênàiche”. Po' stênghe,
te scìeve ad ammenê sòtt'a nê vrênghe
e acchjìve ci s'avèeve appappazzàte
all'òmbre du chemménde sckelàte.
Da cure funne se sendèeve tutte
pure ci mbeciàve ind'a re ggrùtte
o ci chjêmêve u fìgghje da dalònghe;
re vvàusce assèvene dall'èrva lónghe
se sechetêvene da nu repùdde
o scùegghje mmézz'a la ràuche e ind'ê nùdde
scèvene ad appeccià la fêndasì.
M'ave arecapetàte adacchessì
de créete ca sendèsse la chêmbêne
o ca sendèsse u vécchje grégoriêne
dle mùenece passàte pu chemménde;
cèrt'alte vólte seccedèeve ugualménde
de scìmme a mmêgenê ggénda frestéere
a
ssaglienête attùrne a la netréere.
Eh, fêndasì! Mó sèrve chjù de tênne.
Sàbete mbàtte, doppe sé' o sétt' ênne,
passìebbe “sòtt'o pònde”, ngircolàre,
e acchjiebbe u munne nùeve, pàre pàre.
Cure ciardàine de patrun Morùdde,
Poggio Réàle… Ddà nê stè chjù nnùdde!
De frònd'à nu progrésse quse ngùerde
vé spatriàte u tìembe e l'arrecùerde
de n'ómene ca acchógghje sòtt'all'àrve
re ffràsche de quênn'éere sénza vàrve.
Pérò, diche re ggiùste, è conzolênde
vedè com'u pajàise ddó vè nnênde.
palàzze, strate, scóele ; e le chêndìere,
la ggénde allégre, e nnòene com'éere aìere.
Cure ca vè sòtte è própie u Pàule:
pare ca av'allassàte sule sàule,
nên vèete cchjàue la fést'a re ssèete
ca n'anneccèmme a ccàse ind'a la rèete,
cóm'ê pênnéere mbìzzz'a nê bacchétte,
appéese all'arnemìende o a la carrétte;
mó stè com'a nu Gùlliver scrennète,
stè com'a nu petràle abbêndenête.

Tempo di mele granate, già, al mercato.
I bei frutti sembrano pitturati
e richiamano il Pulo di lontano.
Alla domenica, da “sotto il ponte”,
i ragazzi guidando “la carretta”,
gli adulti a coppie oppure in bicicletta,
sulla via del Pulo facevamo avanti e indietro
per muovere due passi e andare a prendere le mele granate.
Pagavamo quattro soldi per entrare
in quella che chiamiamo oggigiorno
la stazione neolitica (e intanto
sì, ci riempiamo la bocca tutti quanti);
la vecchia porticina di pagliaio,
il cane alla catena, una caldaia
ed eri come stordito, andando giù,
d'aria di bosco, sole e civette.
Proseguivi incantato in mezzo al paesaggio
dantesco, ora gentile e ora selvaggio, guardavi intorno e, senza tante
sottigliezze, dicevi: “Qui un giorno
hanno dimorato i progenitori”. Poi, stanco,
andavi a gettarti sotto un ramo
e scoprivi che qualcuno si era appisolato
all'ombra del convento diroccato
Da quel fondo si poteva udire tutto
anche chi stava chiacchierando nelle grotte
o chi chiamava il figlio da lontano;
le voci sorgevano dall'erba alta,
si inseguivano da un virgulto
allo scoglio fra la ruta, e in breve
andavano ad accendere la fantasia.
Mi è capitato così
di credere che udissi la campana
o che udissi il vecchio gregoriano
dei monaci passati per il convento;
altre volte accadeva ugualmente
di andare ad immaginare gente forestiera
affannata intorno alla nitriera.
Ah, fantasia! Ora è necessaria più di allora.
Sabato infatti, dopo sei o sette anni,
ripassai “sotto il ponte”, in autobus,
e trovai un mondo nuovo, né più né meno.
Quel giardino di padron Mauruccio,
Poggio Reale… Lì non c'è più nulla!
Di fronte a un progresso quasi ingordo
diventa incerto il tempo e i ricordi
di un uomo che raccoglie sotto gli alberi
i rami secchi di quand'era sbarbatello.
Però, dico il vero, è consolante
vedere come la città qui si espande:
palazzi, strade, scuole; e i cantieri,
la gente allegra, e non com'era ieri.
Chi ci rimette è proprio il Pulo:
pare che sia rimasto solo solo,
non vede più la festa alle mele granate
che portavamo a casa nella rete,
come bandiere in cima a un'assicella,
appese ai finimenti o alla “carretta”;
ora sta come un Gùlliver scornato,
sta come una pietra abbandonata.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Molfetta

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno