Lama d Antico

Festival di teatro antico “Ad Theatrum”: sei spettacoli a Egnazia e Lama d’Antico

Fasano
dal 6 luglio 2019 al 10 agosto 2019 alle ore 00:00

Iniziativa proposta dalla dirigente scolastica Titti Ferrara e dalla cooperativa Meseion

Indirizzo Egnazia e Lama d’Antico

Festival di teatro antico “Ad Theatrum”: sei spettacoli a Egnazia e Lama d’Antico
SITO UFFICIALE Lama d'Antico © SITO UFFICIALE Lama d'Antico

Il calendario delle iniziative per l’estate 2019 a Fasano si arricchisce di un'altra proposta culturale inedita per la nostra città: nei parchi di Egnazia e Lama d’Antico saranno ospitati sei spettacoli del progetto “Ad Theatrum – Luoghi, voci, suoni dal Mediterraneo”, festival di teatro antico nei siti archeologici di Fasano ed Ostuni. Gli spettacoli nascono da laboratori teatrali, realizzati con il contributo dell’Università di Bari e tenuti negli ultimi anni presso varie istituzioni scolastiche pugliesi e non; alcuni sono interpretati dai ragazzi che hanno frequentato i laboratori.

Appuntamento ad Egnazia il 6 luglio per “Il viaggio di Ulisse”, con Paolo Panaro; il 24 luglio “Il mistero di Alcesti”, con gli studenti del liceo “Pepe Calamo” di Ostuni e “Tefter”, con i ragazzi del liceo “Cagnazzi” di Altamura; infine il 25 luglio “Icaro caduto”, con Armamaxa.

Questo il calendario a Lama d’Antico: il 13 luglio “Nata contro. Antigone per sempre”, con gli allievi dell’Istituto “Massimino Massimo” di Roma; il 30 luglio “Khitarodos”, portato in scena dal Teatro Steinhof La Casa di Pietra; il 10 agosto, chiusura della rassegna nelle locations fasanesi con “Il racconto di Enea” e “Il viaggio di Ulisse”, interpretati da Paolo Panaro.

«Ringrazio Titti Ferrara, dirigente del liceo “Pepe Calamo” di Ostuni e la cooperativa Museion che ci hanno proposto l’iniziativa – commenta il sindaco Francesco Zaccaria - un' iniziativa che ci darà la possibilità di formare giovani attori; formare il pubblico, in collaborazione con gli operatori che da anni lavoriamo sul territorio nazionale. Un occasione unica per esaltare il nostro patrimonio attraverso la promozione del turismo culturale composto da visitatori sempre più esigenti, attenti alla qualità dei servizi offerti. Un grazie anche ai responsabili dei sito archeologico di Egnazia e del Parco Rupestre Lama d’Antico, per averli subito messi a nostra disposizione».