Convenzione comune-Arpa per il dragaggio del porto

L’Agenzia regionale per l’ambiente eserciterà attività di controllo e verifica prima, durante e dopo i lavori. Costo dell'accordo 36mila euro

Attualità
Molfetta venerdì 22 ottobre 2010
di Giuseppe Pansini
© Comune di Molfetta

Procede l'iter per la costruzione del nuovo porto.

Nell’attesa che si completi lo sminamento, si pensa già alle operazioni di dragaggio, attività necessaria per poter disporre di uno scalo commerciale degno di questo nome. 

E per questa delicata fase il Comune di Molfetta ha approvato una convenzione con l’Arpa, l’Agenzia regionale per l’ambiente della Puglia, che eserciterà attività di controllo, verifica, validazione dei dati di monitoraggio marino. Prima, durante e dopo la fase di dragaggio.

Per questo motivo, il responsabile del procedimento, l'ingegnere Enzo Balducci, è stato autorizzato a firmare la convenzione con l’Arpa Puglia, per un onere economico pari a 36mila euro.

Sul progetto di dragaggio, e anche sull’intero progetto del nuovo porto vi è stato il parere dei ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, della commissione tecnica Via e Vas e del servizio Ecologia della Regione Puglia.

Tre gli allegati tecnici. Il primo relativo al monitoraggio delle attività di dragaggio, il secondo al monitoraggio dello stato del Posidoneto San Vito Barletta e il controllo della qualità dell’acqua presso gli sfioratori della cassa di colmata.

Lascia il tuo commento
commenti