L'iniziativa

“Dall’uso al riuso”, così la “Battisti - Pascoli” festeggia la chiusura dell’anno scolastico

L’operazione ha permesso agli alunni di imparare a destreggiarsi tra oggetti e pratiche varie, attraverso laboratori sostenibili, guidati dai docenti, tesi alla realizzazione di cose nuove, partendo dal vecchio.

Attualità
Molfetta domenica 15 giugno 2014
di La Redazione
Festa finale "Abbasso lo spreco... viva la sobrietà creativa!"
Festa finale "Abbasso lo spreco... viva la sobrietà creativa!" © n.c.

Il 9 giugno scorso, calendarizzato come ultimo giorno di scuola nell’anno corrente, i ragazzi dell’istituto “Battisti - Pascoli” di Molfetta si sono congedati da insegnanti e genitori con una festa intitolata “Abbasso lo spreco…  Viva la sobrietà creativa!”

Nel cortile dell’Istituto, teatro della manifestazione, è stata allestita una mostra con tutte le creazioni realizzate durante l’anno dai ragazzi di prima media, a sottolineare il lavoro svolto con il supporto degli insegnanti di scienze, dal tema il fare sostenibile.

L’operazione ha permesso agli alunni di imparare a destreggiarsi tra oggetti e pratiche varie, attraverso laboratori sostenibili, guidati dai docenti, tesi alla realizzazione di cose nuove, partendo dal vecchio: saponi reinventati e oggetti composti da materiale di recupero. 
Il progetto ha offerto loro l’opportunità di imparare a ri-creare.

Lo sviluppo di manualità, ingegno, creatività, la pratica del confronto tra coetanei: questi gli ulteriori obiettivi didattici e pedagogici prefissati con questo lavoro, largamente raggiunti dai ragazzi che, a detta dei docenti, hanno mostrato un attivo interesse nel corso dei laboratori svolti  ed una proficua partecipazione.
L’intento di proseguire verso questa direzione è chiaro ed esplicito  sia da parte degli insegnanti sia da parte degli alunni che, attraverso progetti come questo, hanno l’opportunità di imparare nuovi stili di vita.  

La manifestazione si è conclusa con una coreografia danzata  sulle note di  “Happy” di Pharrel Williams, eseguita dagli alunni della classe I A, che ha raffigurato l’umanità sommersa da rifiuti.

«Noi ragazzi siamo stati molto felici di questo progetto. È stata l’occasione per  confrontarci, divertirci  e crescere insieme». Queste le impressioni degli alunni protagonisti dell’evento.

Lascia il tuo commento
commenti