Un lettore: «Che ne sarà della Terza Cala?»

Rifiuti, cattivi odori, pericolo per le ultime porzioni di sabbia nell'insenatura sulla Molfetta-Giovinazzo. Sulla quale hanno messo gli occhi anche alcuni privati

Attualità
Molfetta mercoledì 25 agosto 2010
di Giuseppe Pansini
© n.c.

Frequentare la Terza Cala, spiaggia sulla Molfetta-Giovinazzo, è diventato sempre più difficile. Quasi un percordo a ostacoli.

La segnalazione e alcune immagini vengono da un lettore e mostrano da una parte in tutta la loro bellezza della cala, naturale insenatura di mare, caratterizzata da una leggera presenza di sabbia e dall'altra parte il suo stato di continuo abbandono. Che fa rima con rifiuti di ogni genere e anche la presenza di siringhe.

Inoltre, racconta il lettore, in zona sono stati collocati dei cassonetti che servono alcune strutture alberghiere nelle vicinanze: con alte le temperature estive è facile capire ciò che accade. Da aggiungere anche il parcheggio selvaggio e l'asportazione, durante le pulizie, di sabbia assieme ai rifiuti.

Il quadro che ne viene fuori non è per nulla edificante ed è altresì doloroso per quanti amano la nostra città. E' innegabile che per le spiagge sino ad oggi, a parte alcuni proclami, non si è fatto proprio nulla.

Si potrebbe pensare di creare delle aree di parcheggio attezzate, delle spiagge fornite di servizi. Insomma, in una parola, affrontare una volta per tutte la questione delle spiagge e della balneazione, che a Molfetta è affidata in gran parte al Gavetone, alla Prima Cala e alla zona dell'ex lido Franzese nei pressi dell'Inps, sul Lungomare. Tre spiagge per una città di circa 60mila abitanti nella quale si riversano bagnanti provenienti da cittadine interne come Terlizzi e Ruvo. 

«Avendo nel passato trascorso qui intere estati - afferma uno dei bagnanti-, vedere oggi questo degrado a distanza di anni lascia l'amaro in bocca. Continuamo a sentirci cittadini di serie B, ma continueremo, pur tra mille difficoltà, a frequentare quello che è a tutti gli effetti una delle spiagge storiche della città di Molfetta e sulla quale oggi stanno mettendo gli occhi alcuni privati»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • juventus31 ha scritto il 25 agosto 2010 alle 15:21 :

    quella parte di spiaggia è un tesoro lasciato andare.......pieno di alge putride la cui puzza si sente dalla strada.....c'e' qualcuno che fa quacosa???????? Rispondi a juventus31