Torrino con vista duomo, ultima parola al Consiglio di Stato

Continua la battaglia legale sui lavori allo stabile di Banchina Seminario. Il Comune ha deciso di ricorrere contro l’ordinanza del Tar

Cronaca
Molfetta sabato 02 aprile 2011
di La Redazione
© MolfettaLive.it
La battaglia legale sui lavori al torrino che si affaccia sulla banchina Seminario si sposta a Roma.

Sarà il Consiglio di Stato a mettere la parola fine alla vicenda che si trascina dal novembre 2009, e che vede fronteggiarsi la proprietaria dell’immobile, l’avv. Annalisa Nanna e il Comune di Molfetta, che aveva bloccato i lavori e ordinato la demolizione di alcune opere edili.

Un’ordinanza impugnata dall’avv. Nanna dinanzi al Tar, che lo scorso 27 gennaio ne ha ordinata la sospensiva e condannato il Comune al pagamento delle spese legali, quantificate in circa 2mila euro.

«La tenue entità dell’asserito incremento di altezza (cm. 35), incremento che peraltro – alla stregua della documentazione in atti – sembra non sussistere», aveva dichiarato il Tribunale amministrativo regionale, che nell’ordinanza aveva tenuto conto del «favorevole parere espresso dalla Sovrintendenza».

La vicenda, però, non si esaurisce qui. La giunta comunale, nella seduta del 21 marzo, ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato e dato mandato all’avvocato Luigi Manzi di rappresentare l’ente contro la proprietaria.

Da Molfetta a Bari e infine nella Capitale. Del torrino con vista duomo sentiremo ancora parlare.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • ha scritto il 02 aprile 2011 alle 14:47 :

    Perché la giunta comunale si preoccupa di una sciocchezza del genere, quando sono ben altri i problemi che affliggono la città di Molfetta? Mi auguro che chi ha sbagliato paghi. Soprattutto spero che se ha sbagliato il Comune non siano i Cittadini a pagare ma chi li governa. Questa vicenda assomiglia sempre più a quella della capitaneria di porto, dov'è la Corte dei Conti? Rispondi a