Edilizia a Molfetta, terremoto giudiziario: i nomi dei nove arrestati, c'è Rocco Altomare

In azione oltre 60 uomini del Corpo forestale coadiuvati dalla Polizia municipale. Il dirigente attende di essere condotto in carcere. Altri otto ai domiciliari. 51 gli altri indagati

Cronaca
Molfetta giovedì 23 giugno 2011
di La Redazione
© MolfettaLive.it

E’ in corso dalle prime luci dell’alba una vasta operazione finalizzata alla repressione dei reati di associazione a delinquere finalizzati alla compimento dei reati di corruzione, concussione e oltre che dei reati connessi in danno all’ambiente consistenti in vere e proprie lottizzazioni abusive nel territorio di Molfetta, con gravissimi rischi idrogeologici.

Sul territorio ben cinquantuno sono le persone indagate. 

Nove le misure cautelari. Attende di essere condotto in carcere (al momento si trova in ospedale) l'ingegnere Rocco Altomare, dirigente del Settore
Territorio. Ai domiciliari altre otto persone: Donato Altomare, Corrado Altomare (rispettivamente fratello e figlio del dirigente), Mauro Spadavecchia, Giambattista Del Rosso, Nicolò De Simine, Alessandro de Robertis, Marta De Giglio e Gaetano Di Mola.

Diversi sono gli immobili posti sotto sequestro penale.

L’operazione coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Trani Antonio Savasta scattata nel corso della notte rappresenta l’atto finale di una lunga e complessa indagine effettuata del comando stazione Corpo Forestale dello Stato di Corato, con l’ausilio del comando stazione Forestale di Bari e della Polizia municipale di Molfetta.

All’esecuzione della ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Trani Roberto Oliveri del Castillo hanno partecipato oltre 60 uomini del comando provinciale di Bari del Corpo Forestale dello Stato oltre a diversi reparti regionali ed al reparto elicotteri della stessa Forestale.

Ecco il link con tutti i dettagli dell’operazione.

Lascia il tuo commento
commenti