Ortofrutta, inaugurato il box numero uno

In via Molfettesi d’Argentina avvistato lunedì anche il sindaco Azzollini. A fine agosto Rifondazione e Liberatorio hanno tuonato contro i costi dei tre gazebo in legno

Attualità
Molfetta giovedì 15 settembre 2011
di Lorenzo Pisani
© MolfettaLive.it
Il "mercato diffuso" voluto dall’amministrazione comunale per disciplinare il fenomeno del commercio ambulante, più volte sanzionato dalla magistratura, da lunedì può contare anche su un secondo box, allestito sul modello del prototipo operativo da marzo in via Papa Montini.

La struttura in legno lamellare color bianco è stata inaugurata la sera del 12 settembre. Spumante, frutta e applausi e anche un vessillo della Madonna dei Martiri, protettrice di Molfetta.

Folto il capannello in via Molfettesi d’Argentina. Avvistato anche il sindaco, Antonio Azzollini.

Meno di due settimane fa sulla scelta dei gazebo erano piovute le polemiche della sinistra all’opposizione. In una nota, Rifondazione comunista faceva un po’ di conti del costo dei tre chioschi in legno lamellare (due già realizzati, compreso il box “numero zero” di via papa Montini): 210mila euro erano sembrati troppi agli occhi del partito di opposizione, che aveva posto alcuni interrogativi in un’interrogazione consigliare cui potrebbe seguire – se non dovesse essere discussa entro un mese – un esposto alla Corte dei Conti.

Era andato oltre il Liberatorio politico. A distanza di poche ore da Rifondazione il movimento civico aveva annunciato di aver presentato una denuncia alla procura di Trani. Tutto sarebbe incentrato sui tempi della costruzione del gazebo. Iniziata, aveva fatto notare Matteo d’Ingeo, «dopo la prima decade di maggio» e proseguita per tutta l’estate.

Ad agosto una delibera di giunta aveva stabilito di abbandonare la via della gara pubblica e di affidare la costruzione di due chioschi alla stessa azienda che aveva portato a termine il prototipo sperimentale.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • PAPPAGA7 ha scritto il 16 settembre 2011 alle 08:17 :

    Forse bisognerebbe sottolineare le situazioni nelle quali il codice stradale viene rispettato, per il resto è sempre caos assoluto, poichè i vigili sono inesistenti; basta affacciarsi di sera alla zona adiacente alla Gelateria San Marco e rosticcerie varie: non ci sono parole.......... Rispondi a PAPPAGA7

  • Bonafede ha scritto il 15 settembre 2011 alle 09:34 :

    ....e durante l'inaugurazione auto parhceggiate sulla provinciale e altre che parcheggiavano entrando in contromano...cominciamo bene cominciamo.... Rispondi a Bonafede