I dati dei decessi del 2019 e del 2020 con gli ultimi mesi condizionati dai decessi covid.

Isa de Bari: "Nel 2020 aumento dei decessi del 14,5%. Perché si tace?"

"Non vogliamo i nomi, vogliamo i numeri per stringersi al dolore delle famiglie"

Attualità
Molfetta giovedì 14 gennaio 2021
di La Redazione
Isa De Bari
Isa De Bari © N.c.

Riceviamo e pubblichiamo la nota del consigliere comunale Isabella de Bari che analizza i decessi degli anni scorsi e li confronta con i dati del 2020. Notevole l'incremento, del 14,5%; la richiesta dell'ex candidato sindaco è semplice: fare chiarezza sul numero dei decessi, aumentati con il perdurare della situazione di emergenza pandemica.

Di seguito il corpo della nota e i numeri presentati dall'avvocato Isabella de Bari.

Numeri come pietre d’inciampo:

  • 2019, deceduti a Molfetta: 697
  • 2020, deceduti a Molfetta: 798
  • Ottobre 2020, decessi Covid: 5
  • Novembre 2020, decessi Covid:
  • 17 Dicembre 2020, decessi Covid:
  • 14 Gennaio 2021, ad oggi, decessi Covid: 6

I 101 decessi del 2020 in più rispetto all’anno precedente, non meritano forse attenzione?
E insieme ad essi, alla luce dei vincoli imposti dallo stato di emergenza, non meritano forse approfondimento i numeri delle cremazioni avvenute nel corso dell’anno appena passato? Tra ottobre e dicembre rispettivamente 7, 11, 16.

Alla luce di un aumento percentuale di decessi del 14,49% rispetto al 2019, quanto accaduto non sarebbe forse degno di una narrazione di verità?
Rendere conto dei morti, esercizio penoso ma doveroso, è un modo per ricordare le vittime, è un modo per stringersi alle famiglie colpite.

Non vogliamo i nomi, vogliamo i numeri per ricordarli. Non vogliamo i nomi, vogliamo i numeri perché siano di monito. Non vogliamo i nomi, vogliamo i numeri perché richiamino le sofferenze patite. Non vogliamo i nomi, vogliamo i numeri perché ci facciano tenere alta la guardia sino a quando la pandemia sarà debellata.

Conoscere i morti di ogni giorno significa riconoscere, senza conoscerle, le storie personali di chi ha perso la vita per il virus e consentire ai familiari di riconoscere nel numero il proprio caro.

Non sapere nulla e non aver fatto nulla per tenere la “conta” rappresentano la mancata testimonianza di un lutto collettivo e di un abbraccio che non si e riusciti a dare.
 

Lascia il tuo commento
commenti