I punti salienti della nuova ordinanza

Sospeso il mercato, aperto il cimitero. L'ordinanza di Tommaso Minervini

Recepite le disposizioni nazionale, arriva l'ordinanza cittadino che riguarda spostamenti, scuola, sport, cultura, bar e ristoranti e varie aperture e chiusure di esercizi commerciali

Attualità
Molfetta mercoledì 17 marzo 2021
di La Redazione
Tommaso Minervini
Tommaso Minervini © n.c.

Recepite le disposizioni dal governo centrale, il primo cittadino Tommaso Minervini firma l'ordinanza che sarà valida sino al 6 aprile. Di seguito cosa cambia per la città.

Spostamenti
Divieto di spostamento in entrata e in uscita dal territorio comunale nonché all'interno dello stesso territorio comunale, salvo che per motivate e comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, accudimento di figli minori, servizio dì baby sitter, disabili, familiari anziani ovvero per motivi di salute.
Nelle giornate del 3, 4 e 5 aprile 2021 in cui è consentito in ambito regionale lo spostamento verso una sola abitazione privata una volta al giorno in un arco temporale compreso tra le ore 5,00 e le ore 22,00 e nei limiti di due persone rispetto a quelle già ivi conviventi oltre minori di anni 14.

Scuola
Sospese le attività dei servizi educativi dell'infanzia di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, e delle attività scolastiche e didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, fermo restando la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Cultura
Sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e di altri istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi, fermo restando il rispetto delle misure di contenimento dell'emergenza epidemica; restano sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all'aperto.

Sport
Consentito lo svolgimento individuale di attività motoria all'aperto ed in prossimità della propria abitazione, rispettando obbligatoriamente la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossando dispositivi di protezione individuale fermo restando il divieto di assembramento; sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP.
Allo stesso modo, sono sospese l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all'aperto che al chiuso.

Aperture e chiusure
Sospese le attività di commercio al dettaglio, eccetto le attività di vendita di generi alimentari, edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie e attività considerate di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Sospeso il mercato settimanale con facoltà di recupero in periodi migliori. Dei servizi alla persona restano aperti solo lavanderie, tintorie e pompe funebri. Resta aperto il cimitero nei consueti orari, eccetto domenica 21 e 28 marzo, domenica 4 aprile e lunedì 5 aprile.

Bar e ristoranti
Sospese le attività di ristorazione. Consentita la sola consegna a domicilio senza limite di orario, mentre l'asporto è consentito fino alle 22, con divieto di consumazione nelle adiacenze del locale stesso. Bar e altri esercizi commerciali senza cucina con codice ATECO 56.3, analogamente ai distributori h24,  chiuderanno alle 18 (escluse dal provvedimento le attività di commercio al dettaglio con codice ATECO 47.25, commercio al dettaglio di bevande da non consumarsi sul posto). 

Culto
E' possibile raggiungere il luogo di culto più vicino alla propria abitazione ed è consentito partecipare a celebrazioni, con il rispetto degli appositi protocolli. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Claudio B. ha scritto il 18 marzo 2021 alle 11:35 :

    Ma se gli Open Shop H24 ieri sera erano aperti dopo le 18 e continuano ad essere in giro ragazzini senza mascherina che usufruiscono di tali esercizi, a che servono queste ordinanze? Io mi associo alla rabbia dei ristoratori (seri) ed ai commercianti che sono costretti a chiudere pur avendo attività che non prevedono assembramenti. Forse il nostro Sindaco o il comandante della Polizia Locale dovrebbero vigilare maggiormente. Speriamo che il Signore ci aiuti! Rispondi a Claudio B.