La nota

Associazioni molfettesi: "Zaki libero. Ma anche qui da noi quanti diritti sono calpestati?"

Il lancio dell'iniziativa proprio il 19 marzo, in cui si festeggia San Giuseppe, per la chiesa uomo giusto e libero e garante di diritti

Attualità
Molfetta venerdì 19 marzo 2021
di La Redazione
Zaki
Zaki © n.c.

Riceviamo e pubblichiamo la nota congiunta del coordinamento delle associazioni molfettesi che ha sostenuto il riconoscimento della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki. Di seguito il corpo della nota.

Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”, così recita l'art. 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, ma quanti sono i diritti calpestati anche qui da noi?  È per rispondere a questa domanda  che realtà culturali, lavorative e religiose molfettesi si sono unite per smuovere dal torpore in cui la cittadinanza è immersa.

E non è un caso che il lancio di questa iniziativa avvenga proprio il giorno del 19 marzo, giorno in cui si festeggia San Giuseppe. Definito dal Vangelo Uomo Giusto, Giuseppe ci insegna a metterci dalla parte di chi non ha diritto, perché fragile, perché indifeso come Maria appunto. Vogliamo “approfittare” della sua festa perché è stato Lui il primo a difendere i diritti di una donna, Maria, che altrimenti sarebbe stata lapidata perché incinta pur non essendo sposata. È il simbolo della ribellione alle convenzioni, della tolleranza e dell’accoglienza.

Siamo partiti con la richiesta al Comune di conferire la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, che rappresenta il simbolo di quanti nel Mondo sono ingiustamente detenuti e torturati a causa del loro impegno per i diritti civili e politici e vogliamo andare avanti per dare voce a chi, anche a Molfetta sente di essere stato calpestato in un suo diritto. Attraverso iniziative “a tema” daremo voce alla Città grazie all'apporto di cittadini e associazioni sensibili alle questioni relative ai diritti umani che spesso, lo ricordiamo,  si uniscono a quella dei doveri perché “Non vale la pena avere diritti che non derivano da un dovere assolto bene” (Gandhi).

Tutte le associazioni molfettesi ed i singoli cittadini che volessero aggregarsi a questo progetto e dare un contributo possono aderire, scrivendo a arciorizzonti@gmail.com

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • COSIMO DE BARI ha scritto il 19 marzo 2021 alle 16:09 :

    Il gesto vero fu quello di don Tonino Bello, quando, nonostante non stesse già bene in salute, a capo di 500 pacifisti andò tra le bombe di Sarajevo. Pertanto bisogna avere coraggio, andate in Egitto a manifestare per la libertà di questo ragazzo. Altrimenti è tutto fumo. Rispondi a COSIMO DE BARI