Ricerca e progresso

Inside The Breath, il progetto per rilevare il tumore con a capo due molfettesi

Il progetto di Donato Altomare e Gianluigi De Gennaro permetterà di produrre un apparecchio in grado di rilevare il tumore in un soffio

Attualità
Molfetta giovedì 23 febbraio 2017
di Adriano Failli
Gianluigi De Gennaro
Gianluigi De Gennaro © n.c.

“Basterà respirare in un palloncino e analizzarne la miscela di aria per rilevare un tumore” sono queste le parole del biologo Gianluigi De Gennaro nel descrivere “Inside The Breath”, progetto da lui coordinato, assieme al chirurgo Donato Altomare, presso l’Università di Bari.

I due molfettesi, hanno posto le basi per una vera rivoluzione in campo biomedico: poter individuare la presenza di tumore in pochi semplici passaggi, potrebbe infatti creare prospettive del tutto nuove per la medicina e permettere al paziente di intervenire prematuramente sulla malattia.

La ricerca permetterà sin da subito di poter individuare il tumore al colon retto, sfruttando una piccola disfunzione respiratoria che si manifesta con la presenza di questa patologia, rilasciando una molecola che potrà essere individuata da una intelligenza artificiale dopo aver effettuato il respiro nel palloncino. L’obiettivo, secondo le parole di Donato Altomare, è quello di azzerare la mortalità nella neoplasia al colon retto, ma non si esclude che nel giro di pochi anni le patologie individuate non possano moltiplicarsi.

Il progetto, elaborato da alcuni medici del Policlinico e ricercatori del reparto di Biologia dell’Università di Bari, in collaborazione di Cluster tecnologici pugliesi, è attualmente in fase di industrializzazione e potrà, già nel 2018, fornire le macchine per l’esame preliminare alle farmacie e agli ambulatori.

Lascia il tuo commento
commenti