La nota

Ordinanza anti botti, le perplessità del Liberatorio politico

Il movimento coordinato da Matteo d’Ingeo mette a confronto questo provvedimento con quello dello scorso anno

Attualità
Molfetta mercoledì 26 dicembre 2018
di La Redazione
Piazza Paradiso, dopo i botti in uno degli ultimi anni
Piazza Paradiso, dopo i botti in uno degli ultimi anni © n.c.

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Liberatorio politica a riguardo dell’ordinanza di Tommaso Minervini contro i botti.

Tutti hanno parlato dell’ordinanza sindacale con cui Tommaso Minervini ha vietato la vendita e l’uso dei fuochi d’artificio per queste festività; tutti si sono accorti che, nonostante il divieto, i botti ci sono stati, non solo nei giorni precedenti e durante la notte della vigilia di Natale, ma continuano ad esserci anche dopo. Niente di nuovo. È preoccupante, invece, che nessuno tra cittadini, giornalisti, commentatori e politici, si sia accorto del contenuto dell’ordinanza.

Nell’ordinanza è scritto che “sarà vietato esplodere botti, dalle ore 20:00 del 24 dicembre alle 7:00 del giorno successivo, e, nella stessa fascia oraria, tra il 31 dicembre e l’1 gennaio, quindi in tutti gli altri giorni è consentito vendere e far esplodere fuochi d’artificio?

E’ scritto anche che le violazioni alle suddette prescrizioni saranno punite, ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs. 267/2000, con sanzione amministrativa pecuniaria da € 50,00 a € 150,00, invece l’articolo prevede una sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro. Manca poi l’indicazione del responsabile del procedimento, che non è cosa di poco conto.

Come può essere possibile che un sindaco, o chi per lui, non riesca nemmeno a “copiare” il testo della sua ordinanza dell’anno precedente avente lo stesso oggetto?

Infatti nell’ordinanza del 7 dicembre 2017 firmata dal sindaco e scritta da un addetto ai lavori, l’ex Comandante della Polizia Municipale dott. Mauro Giuseppe Gadaleta, non solo è riportato il nome del responsabile del procedimento e l’esatta somma della sanzione pecuniaria da pagare, ma è riportato il passaggio più importante.

Dalla comparazione delle due ordinanze si evince che lo stesso sindaco l’anno scorso, vietava la vendita e l’uso dei botti dal 7 dicembre 2017 fino a tutto il giorno 3 gennaio 2018, invece quest’anno il divieto è dalle ore 20:00 del 24.12.2017 alle ore 7:00 del 25.12.2017 e dalle ore 20:00 del 31.12.2018 alle ore 7:00 dell’1.01.2019.

Ora ci chiediamo, siamo noi cittadini ignoranti da non comprendere i contenuti delle ordinanze sindacali oppure c’è, qualche altro motivo che non si coglie, oltre all’improvvisazione amministrativa che rende il divieto dell’ordinanza inefficace e permette dalle ore 8:00 del 25 dicembre fino alle ore 20.00 del 31 dicembre prossimo, di vendere e fare uso di un qualsivoglia fuoco d’artificio?

Invitiamo, pertanto, il sindaco a riscrivere una nuova ordinanza in cui si chiariscano tutti i dubbi del caso”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Tamera Danforth ha scritto il 26 dicembre 2018 alle 11:56 :

    Sembra che i bellissimi fuochi d'artificio siano stati banditi insieme ai barili. Com'è una cosa buona per i cittadini di Molfetta? Ogni giorno tolleranza zero dei barili dalle 9: PM alle 9: AM Aree designate, facilmente sorvegliate, dove possono essere usati i barili. Tolleranza zero delle botti tranne che nelle aree designate. Contratti citta con professionisti per spettacoli pirotecnici, in date e orari specifici, a beneficio dei cittadini. Grazie per l'attenzione. Rispondi a Tamera Danforth