La nota stampa delle associazioni di categoria, dopo l'ufficialità dello spostamento, avvenuta questa mattina

Associazioni di categoria: «Contrari allo spostamento del mercato settimanale»

Montaruli (Unimpresa - Casambulanti): “Siamo, da sempre, contrari allo spostamento del mercato. Le associazioni che hanno dato parere positivo, rispondano delle proprie azioni"

Attualità
Molfetta martedì 08 gennaio 2019
di La Redazione
Il mercato settimanale in via Achille Salvucci
Il mercato settimanale in via Achille Salvucci © molfettalive.it

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato delle associazioni di categoria, Unimpresa e Casambulanti, che si dicono estremamente contrari allo spostamento del mercato da via Salvucci a via Mons.Bello. Di seguito il corpo della nota

La notizia del trasferimento del mercato del giovedì di Molfetta in un’area estremamente periferica e declassata fa andare su tutte le furie i rappresentanti delle due associazioni più rappresentative del commercio, Unimpresa e CasAmbulanti, sono le due Associazioni che, unitamente alla Federcommercio, hanno espresso per iscritto e come da verbale istituzionale redatto al comune di Molfetta, la loro assoluta contrarietà al trasferimento del mercato del giovedì da centro all’estrema periferia.

Alla notizia di queste ore che vorrebbe il mercato già di fatto trasferito nella cosiddetta area polifunzionale a realizzarsi è il leader sindacale Savino Montaruli, per le due Associazioni, ad alzare la voce ed affermare: “si continua a scherzare sulla pelle degli ambulanti concessionari di posteggio nel mercato del giovedì a Molfetta. Trovo assolutamente assurdo ed incomprensibile l’atteggiamento di quelle associazioni di categoria che si sono espresse favorevolmente al trasferimento del mercato, dando la palla in mano all’amministrazione comunale che continua a giocare sulla pelle dei lavoratori. Questa infatti non è la volontà dei concessionari di posteggio quindi coloro che si esprimono senza aver ascoltato la categoria e senza avere il coraggio di farlo, pur vivendo di soldi pubblici, ingeneranoconfusione e creano danni dei quali saranno chiamati a risponderne. Non accettiamo assolutamente un trasferimento che si aggiungerebbe ai tantissimi danni che il comune di Molfetta, in un clima di omertoso silenzio, ha già provocato agli ambulanti ed al piccolo commercio con l’avvento della grande distribuzione, a due passi da Bisceglie, che ha mangiato tutto e di tutto. Abbiamo chiesto un urgentissimo incontro al Sindaco di Molfetta per approfondire l’intera vicenda che risulterebbe altresì illegittima in assenza di strumenti di programmazione che prevedono precise procedure e iter che il comune non ha rispettato. Giovedì prossimo, nel corso del mercato a Molfetta, sarà distribuito il volantino predisposto da Unimpresa e da CasAmbulanti con la dichiarazione dello Stato di Agitazione che porterà anche ad azioni legali qualora il comune non dovesse dare ascolto alle legittime istanze degli operatori che non si sentono né vogliono essere rappresentati dai Polisindacati che devono decidere per conto proprio e non per conto di chi non ha mai conferito loro delega di rappresentanza” – ha concluso Montaruli.

Lascia il tuo commento
commenti