Un esempio di degrado e lassismo

C’è così tanta erbaccia che sembra un piccolo bosco: il rudere in via Aurelio Saffi

La segnalazione di un lettore

Attualità
Molfetta domenica 17 marzo 2019
di La Redazione
Il rudere abbandonato e ricoperto di vegetazione selvaggia in via Aurelio Saffi
Il rudere abbandonato e ricoperto di vegetazione selvaggia in via Aurelio Saffi © n.c.

Il “Bosco verticale” si trova a Milano. È un complesso di due palazzi residenziali progettato dallo Studio Boeri nel quartiere Isola. Il simbolo di un’edilizia diversa e sostenibile.

“E che c’entra con Molfetta”, direte.

Nulla, in effetti. Perché lo scempio che si vede e vive da anni in via Aurelio Saffi, all’angolo con via Giordano Bruno, è una bruttura verticale (e orizzontale) insostenibile. Ce la segnala (piuttosto ce la ricorda) un lettore.

Non tanto (o meglio non solo) un esempio di degrado, bensì di abitudine al pessimo. La plastica spiegazione di cosa sia il lassismo.

È diventato quasi normale ogni giorno passere davanti a quel rudere ricoperto di vegetazione selvaggia. È diventato usuale non accorgersi di erbaccia ovunque: sui muri, nell’area su cui si affaccia, persino superiormente.

Un pasticcio tridimensionale. Un “bosco” irragionevole e che quindi non ha ragion d’essere.


Lascia il tuo commento
commenti