La riqualificazione

Messa in sicurezza l’area verde della scuola dell’infanzia “Filippetto”

Caputo: “L’intervento rientra in un progetto di riqualificazione piu ampio”

Attualità
Molfetta lunedì 02 dicembre 2019
di La Redazione
Area verde “Filippetto”
Area verde “Filippetto” © N.c.

Sono stati ultimati nei giorni scorsi i lavori di messa in sicurezza dell’area verde all’interno della scuola per l’infanzia Filippetto. Ora lo spazio è decisamente piùgradevole. Ci sono scivoli e giochi per i bimbi ma anche rampe in legno, erbetta sul terreno in prossimità dell’area giochi per consentire ai piccoli di poter usufruire di uno spazio anche visivamente gradevole oltre che confortevole.

«Gli interventi effettuati nella scuola Filippetto rientrano in un progetto più ampio di riqualificazione delle scuole del territorio che, come amministrazione, abbiamo avviato da tempo – sottolineano il sindaco, Tommaso Minervini, e l’assessore ai lavori pubblici Mariano Caputo - e che ci vede impegnati su più fronti anche per migliorare gli standard di sicurezza degli spazi aperti per consentire ai bambini di poter usufruire di spazi sicuri».
A segnalare le criticità presenti nel giardino interno della scuola era stata la dirigente scolastica, Analisia Vena. Che, con il sindaco Minervini e i tecnici comunali aveva poi eseguito un sopralluogo. Tra le altre cose il pavimento del giardino presentava avvallamenti, (dovuti in gran parte agli apparati radicali degli alberi), che limitavano fortemente l’apertura delle porte di emergenza e, rendevano la pavimentazione molto sconnessa e, pertanto, pericolosa per i bambini. Inoltre i giochi presenti, erano in avanzato stato di degrado e risultavano altresì pericolosi, gli alberi necessitavano di importanti potature, insieme alla disinfestazione delle aree adibite a giardino e al taglio delle erbe del cortile. Ora i lavori sono stati ultimati.

«Appare superfluo evidenziare come – spiega Analisia Vena, già Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “Battisti-Pascoli - l’ambiente fisico e di apprendimento (aule, laboratori, atri, corridoi, spazi di passaggio, saloni, giardini…) non sia neutro: la sua configurazione, aspetto, peculiarità e disposizione equivalgono a “un terzo insegnante”, sosteneva Loris Malaguzzi, noto pedagogista italiano. "... i bambini costruiscono la propria intelligenza. Gli adulti devono fornire loro le attività ed il contesto e soprattutto devono essere in grado di ascoltare". L’attenzione e la motivazione degli studenti verso l’attività didattica è favorita dalla cura delle aule e degli gli spazi comuni della scuola, incidendo e influenzando profondamente sul processo di apprendimento degli alunni.
I lavori effettuati consentiranno alla scuola dell’infanzia Filippetto – conclude la dottoressa Vena - di valorizzare ulteriormente le buone pratiche espresse dal corpo docente e la progettazione di percorsi originali ed identificativi. E’ la qualità della formazione che rende questa scuola di centro città attrattiva non solo per l’utenza di prossimità, ma anche per chi in centro non ci abita».

Lascia il tuo commento
commenti