L'iniziativa prenatalizia

Al Ferraris torna la "Cittadella del Futuro"

Una serie di workshop dal 16 al 20 dicembre

Attualità
Molfetta venerdì 13 dicembre 2019
di La Redazione
L'IISS Ferraris sigla un patto d'intesa con l'Associazione Imprenditori
L'IISS Ferraris sigla un patto d'intesa con l'Associazione Imprenditori © n.c.

Dopo il successo dello scorso anno, l’IISS “Galileo Ferraris” di Molfetta ripropone la grande iniziativa della “Cittadella del Futuro”, in cui si parlerà di interessanti tematiche afferenti Scienza, Tecnica e Tecnologia, secondo prospettive diverse e didattica interattiva.

Su questi temi si terranno diversi WORKSHOP, dal 16 al 20 dicembre 2019, presso le sedi dell’Istituto, il Liceo OSA “Rita Levi Montalcini” e l’ITT “Galileo Ferraris”, che si aprono ancora una volta al territorio.

Ed è grazie alla dedizione e alla professionalità del Dirigente Scolastico, prof. Luigi Melpignano, coadiuvato dal lavoro di squadra dei docenti e del personale dell’Istituto, che questo appuntamento sta diventando una consolidata realtà per la città di Molfetta.

La Cittadella del Futuro, che si avvale del patrocinio della Città di Molfetta e dell'Ordine dei Medici Chirurghi e odontoiatri della provincia di Bari, ospiterà anche quest’anno rappresentanti del mondo della Cultura, della Medicina, dell’Impresa, dell’Università e del territorio, che incontreranno alunni, docenti e quanti vorranno partecipare.

La cerimonia di inaugurazione dell’evento si terrà lunedì 16 dicembre, alle ore 09:00, nella Sala Conferenze del Liceo OSA “Rita Levi Montalcini”, ed interverranno:

  • la Dott.ssa Giuseppina Lotito, Dirigente dell’Ambito Territoriale Bari 3;
  • il Dott. Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Bari;
  • il Sindaco di Molfetta, Dott. Tommaso Minervini.

Modererà il Prof. Luigi Melpignano, Dirigente Scolastico IISS “Galileo Ferraris” – Molfetta.

Con questa iniziativa il “Galileo Ferraris” si conferma un polo scientifico-tecnologico di eccellenza nella provincia di Bari e oltre.

Lascia il tuo commento
commenti