Dopo aver sistemato l'ingresso alla città dal lato settentrionale, adesso si lavora per sistemare l'ingresso verso Giovinazzo

Lavori in Via Giovinazzo: più sicurezza per studenti e residenti

"Con gli interventi in corso mettiamo fine ad una situazione di precarietà, dal punto di vista della sicurezza, in cui si trovava la periferia sud della città", puntualizza l’assessore all’urbanistica, Pietro Mastropasqua

Attualità
Molfetta martedì 19 maggio 2020
di La Redazione
Lavori in via Giovinazzo
Lavori in via Giovinazzo © n.c.

I lavori saranno ultimati tra qualche settimana. Ma già ora è evidente la trasformazione, in positivo, che sta interessando Via Giovinazzo, nel tratto di strada prospiciente l’Istituto alberghiero e il complesso Meral.

Laddove c’era solo asfalto, con persone costrette a camminare accanto alle auto rischiando la vita, e qualche ciuffo d’erba che cresceva ai bordi della strada ora ci sono le palme, alte. Ci sono i marciapiedi e presto ci sarà una segnaletica adeguata. Molfetta investe nella sicurezza dei residenti, di quanti frequentano i supermercati e le strutture della zona, soprattutto, dei numerosissimi studenti. Ma investe anche in bellezza. Perché chi accederà a Molfetta, venendo da Giovinazzo, sarà accolto da una immagine degna delle grandi città.

«Con gli interventi in corso mettiamo fine ad una situazione di precarietà, dal punto di vista della sicurezza, in cui si trovava la periferia sud della città – puntualizza l’assessore all’urbanistica, Pietro Mastropasqua – un problema rimasto irrisolto per anni. Né poteva rappresentare una soluzione la sistemazione di guard rail ai margini della strada, lato complesso Meral, che, al contrario, paradossalmente, poteva rappresentare una ulteriore fonte di pericolo»
Oltre ai marciapiedi, che arriverà oltre il complesso Meral in prossimità della rotatoria. e alle alberature, i lavori in corso, finanziati con fondi comunali, prevedono la realizzazione di due piazzole di sosta per i bus, di un impianto di illuminazione adeguato, attraversamenti pedonali.

«La bellezza è sempre più presente a Molfetta e – sottolinea il sindaco Tommaso Minervini - riuscirà a sconfiggere la inciviltà di un gruppo, per fortuna ristretto, di imbecilli che si fanno vanto della loro incapacità di vivere in una città civile. Con questi lavori mettiamo in sicurezza una delle aree che, nel tempo, ha visto una forte urbanizzazione. Proprio lì ci sono un complesso con esercizi commerciali, studi professionali, un supermercato e una tra le scuole più frequentate della città, l’istituto alberghiero e, lato mare, ci sono anche stabilimenti che, d’estate, sono aperti fino a notte fonda e sono frequentati da giovani».

In qualche modo i lavori in corso completano quanto cominciato nel primo mandato sindacale dallo stesso sindaco Tommaso Minervini che, nel 2001, portarono alla sistemazione della prima cala e di quelli che all’epoca erano gli ingressi della città a levante, proprio a ridosso della prima cala, e a ponente, a ridosso della Basilica Madonna dei Martiri e della caserma della Guardia di Finanza.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Roberto Posa ha scritto il 09 giugno 2020 alle 08:29 :

    La situazione di insicurezza del ponte Madonna delle rose e' vergognosa. Se la priorità è data alle palme invece che a prevenire l'investimento di una madre con il bimbo di pochi mesi nel passeggino questa amministrazione non ha capito niente. E poi vogliono fare il monitoraggio della IN soddisfazione dei cittadini ai quali non si degnano neanche di rispondere. È vergognoso. Rispondi a Roberto Posa

  • ciccio la peste ha scritto il 20 maggio 2020 alle 10:27 :

    Assessore, devi guardare anche le tantissime grandi buche che esistono sulla strada Molfetta-Bisceglie a cominciare da via Madonna dei Martiri proseguendo verso Bisceglie inclusa la rotonda del porto nuovo ed infine prima e dopo il Nettuno. Evidentemente se non ti sei accorto di quelle buche che esistono da anni e che sprofondano sempre più, significa o che non sei mai passato da quelle strade o se sei passato lo hai fatto con l'elicottero. Svegliati Rispondi a ciccio la peste

  • Mario Sasso ha scritto il 19 maggio 2020 alle 12:06 :

    Bravissimi ok .Sono investimenti molto apprezzabili. Rispondi a Mario Sasso