L'inaugurazione è prevista sabato 11 luglio, alla presenza del sindaco Tommaso Minervini e del parroco del rione don Pinuccio

Nasce il Comitato di quartiere “via Moravia”, sabato la festa inaugurale

Francesco Altomare nominato presidente del neonato comitato

Attualità
Molfetta giovedì 09 luglio 2020
di La Redazione
Le iniziative in via Moravia
Le iniziative in via Moravia © n.c.

Sicurezza dei cittadini. Pulizia del quartiere. Voglia di far parte di una realtà che sia motivo di orgoglio e di identificazione. Proposte di iniziative, idee, manifestazioni per migliorare la vivibilità e la salubrità della zona per grandi e piccoli. È l’obiettivo dei gruppi familiari dell’area di “Via Moravia”, che dopo aver condiviso con entusiasmo i giorni dell’emergenza covid, cercando di rendere più gioiosa la reclusione forzata in casa, ora hanno fatto un passo oltre. I residenti, infatti, hanno deciso di costituire un comitato, con tanto di statuto, consiglio direttivo e presidenza.

Un modo per fare squadra e fare quadrato, per far sentire la propria voce, forte e chiara, ma sempre gioiosa e costruttiva. Per festeggiare questo momento speciale della vita del quartiere, cresciuto da pochi anni nella periferia di Ponente della città, il comitato ha organizzato una manifestazione, in programma sabato 11 luglio alle 19.30 in via Montale.

I residenti pianteranno un albero nella zona di campagna prospiciente la strada. “L’albero diverrà riferimento per tutti noi – afferma Francesco Altomare, presidente del comitato – e avrà il significato simbolico di crescita e realizzazione degli obiettivi prefissati”. L’evento sarà allietato dalla partecipazione dei bambini, che effettueranno una piccola esibizione.

Per celebrare questo felice momento di vita comunitaria, nel corso della serata interverranno il parroco del quartiere Don Pinuccio, che effonderà la sua benedizione su tutti i partecipanti e sulle attività del neonato Comitato di Quartiere, e il sindaco di Molfetta Tommaso Minervini. “Si tratta – conclude Francesco Altomare – di un’iniziativa che si pone sulla scorta di tutto ciò che abbiamo promosso finora. Ci piace pensare che i più piccoli siano il cuore pulsante di questo quartiere. E vogliamo che gli adulti possano essere lo straordinario supporto per alimentare amorevolmente la loro vitalità e vivacità. La nostra idea? Che il quartiere sia un po’ una casa grande e accogliente, in cui ognuno possa sentirsi a suo agio, orgoglioso di viverla come un’espansione della propria abitazione. Praticamente un pezzo di cuore”.

Lascia il tuo commento
commenti