La nuova campagna è realizzata nell’ambito dell’iniziativa “Molfetta mi sta a cuore”

"La mia città è la mia casa": campagna contro l'abbandono delle deiezioni canine

Manifesti in città per sensibilizzare al tema

Attualità
Molfetta lunedì 27 luglio 2020
di La Redazione
La mia città è la mia casa
La mia città è la mia casa © n.c.

Per un mese intero sulle plance comunali campeggeranno manifesti che invitano i proprietari dei cani a non abbandonare le deiezioni canine in strada. L’iniziativa rientra nella campagna di comunicazione “La mia città è la mia casa”, realizzata nell’ambito dell’iniziativa “Molfetta mi sta a cuore” finalizzata al contrasto dell’abbandono dei rifiuti e al rispetto delle regole, voluta e promossa dal Comune di Molfetta.

La particolarità della campagna sta nel fatto che i testimonial sono proprio gli amici umani dei quattro zampe che ci mettono la faccia per sensibilizzare i loro “colleghi” e per rivolgere loro un invito a essere comunità: una comunità fatta sì da amanti degli animali, ma anche di cittadini che amano e rispettano la propria la città.

Il tutto nell’auspicio di generare un effetto domino che, strada per strada, possa estendersi a tutta la città.
«Questi manifesti – spiegano i promotori dell’iniziativa - vogliono infondere forza, fiducia, coraggio alla “Molfetta resiliente” e contagiare positivamente coloro che per rassegnazione, malcostume o assuefazione vivono come un fenomeno ineluttabile e invincibile quello della sporcizia e del degrado cittadino».

Nell’ambito della stessa campagna tutti coloro che hanno la fortuna di condividere le loro giornate e la loro vita con i quattro zampe potranno diventare testimonial pubblicando una foto con il loro amico con gli hastag #lamiacittaelamiacasa #molfettamistaacuore e taggando la pagina Facebook di Molfetta mi sta a cuore.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • michele.dilorenzo-1961 ha scritto il 30 luglio 2020 alle 09:45 :

    Verbalizzare gli incivili che non raccolgono gli escrementi e non portano con sé una bottiglia d'acqua per la pipì che PUZZA.Ci vuole tanto ? Contribuiamo anche a sollevare le casse comunali d'altronde. Non ci vuole poi tanto se si vuole risolvere il problema. Rispondi a michele.dilorenzo-1961

  • Antonio boccassini ha scritto il 28 luglio 2020 alle 07:50 :

    Piazza paradiso ľ ulivi pieni ...interno annunzziata di peggio ### Rispondi a Antonio boccassini

  • Saverio minervini ha scritto il 28 luglio 2020 alle 07:25 :

    E una tassa di possesso no stle anni 90? Rispondi a Saverio minervini