"L’orientamento sessuale non può essere il pretesto per colpire una persona e quanto è accaduto in queste ore al Parco verde di Caivano ne è l’amara conferma"

Rimosse dai muri della stazione scritte incivili e lesbofobiche

A chiederne la rimozione a Rete ferrovie Italiane è stata la Polizia locale

Attualità
Molfetta martedì 15 settembre 2020
di La Redazione
scritte incivili e lesbofobiche
scritte incivili e lesbofobiche © n.c.

I muri della stazione sono tornati puliti. Sono state rimosse le scritte lesbofobiche lasciate da qualcuno su uno dei muri perimetrali della stazione ferroviaria. A chiederne la rimozione a Rete ferrovie Italiane è stata la Polizia locale.

«Viviamo tempi in cui la violenza si manifesta nelle forme più varie, dagli insulti sessisti sui social fino alle forme più estreme di violenza fisica. Non possiamo assuefarci a questi atteggiamenti – sottolinea l’assessore alla sicurezza e alla polizia locale, Antonio Ancona – per questo, per tramite del Comando della Polizia locale abbiamo sollecitato Rete ferrovie italiane affinché rimuovesse quelle scritte».

«È fondamentale che questi atti vandalici – aggiunge il sindaco, Tommaso Minervini - vengano stigmatizzati e condannati. L’orientamento sessuale non può essere il pretesto per colpire una persona e quanto è accaduto in queste ore al Parco verde di Caivano ne è l’amara conferma».

Lascia il tuo commento
commenti