"Stiamo facendo di tutto in questi tre anni e mezzo, con passione e dedizione. Gli uffici in via Carnicella saranno dati ad altre attività sociali, in particolare per i giovani"

Posata la prima pietra a Lama Scotella: "Una casa comune al servizio dei cittadini"

"Il cittadino non dovrà più essere sballottolato: la quasi totalità degli uffici comunali sarà radunata in unico stabile"

Attualità
Molfetta lunedì 30 novembre 2020
di La Redazione
Scavi a Lama Scotella
Scavi a Lama Scotella © n.c.

Posata la prima pietra per la nuova struttura che amplierà la sede comunale di Lama Scotella e riunirà, in un unico stabile, gran parte della totalità degli uffici comunali.

"Oggi siamo contenti di riunire in un unico stabile la quasi totalità delle attività comunali in modo tale che il cittadino non sarà più sballottolato da una parte e dall'altra. Questa casa comunale troverà il massimo della disponibilità da parte di tutti i dipendenti che sono al servizio dei cittadini, come gli amministratori", le parole del sindaco Tommaso Minervini, intervenuto per la posa della pietra pietra per l'ampliamento di Lama Scotella.

Al suo fianco il vescovo della Diocesi, Mons. Domenico Cornacchia, don Vito Bufi e don Raffaele Tatulli, a benedire la nuova opera.

Un'opera fortemente voluta, non solo per radunare, sotto un unico stabile, gli edifici comunali. "Svuotare il palazzo in via Carnicella per darlo ad altre attività sociali, in modo particolare per i giovani", è uno dei motivi fondanti dell'opera.

"Io direi che se la chiudessimo qui con le opere, abbiamo fatto tantissimo durante questa amministrazione. E' un orgoglio: qualcuno dirà che abbiamo fatto troppo e troppo in fretta, ma l'animo che abbiamo messo è stato un animo operativo, di passione pura. Quello che è stato fatto lo lasciamo alla considerazione non dei contemporanei ma della storia della città - le parole del primo cittadino - Ringrazio i tecnici, le maestranze, la ditta, i progettisti, tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questo stabile grazie ad un'attenta e scrupolosa misurazione di ogni costo, di ogni intervento, in modo da riuscire a realizzare il tutto con una dedizione maniacale alla cura dei singoli costi e della bontà dell'intervento".

I lavori si concluderanno entro la fine del 2021 e permetteranno l’accorpamento degli uffici comunali, come la Socialità, l’Ufficio tributi, la Ragioneria, l’Economato, il Patrimonio e lo Sport, oggi dislocati in altre sedi.


Lascia il tuo commento
commenti