Processo Amato, parlano i testi della difesa

In tre hanno deposto ieri. Il 16 toccherà al mondo della politica. Sentenza attesa per la fine di gennaio

Cronaca
Molfetta venerdì 04 dicembre 2009
di La Redazione
© MolfettaLive.it

È prevista per la fine del prossimo mese la chiusura del processo e la conferma viene dal calendario delle udienze. Dopo i testi della Procura, nell’aula sono comparsi ieri quelli della difesa dell’imputato principale.

Degli undici convocati dall’avvocato Domenico Di Terlizzi, tra difetti di notifica e assenze giustificate hanno deposto in tre: Liliana Mastro, Giuseppe Quercia e Domenico Pisani.

La Mastro, componente della commissione per la formazione del personale addetto alle vendite del Fashion District, ha parlato delle modalità di esame e valutazione dei candidati, precisando che la responsabilità di tutti i corsi faceva capo a Fabia Garatti. Quest’ultima, ieri assente, sarà ascoltata nella prossima udienza, fissata per il 16 dicembre. La testimone ha inoltre precisato che, al termine dei corsi, le aziende non erano poi vincolate ad assumere il personale formato.

La deposizione di Quercia, invece, ha riguardato la richiesta e l’ottenimento di un’autorizzazione per una pedana poi trasformata in gazebo da porre all’esterno della sua attività commerciale nel centro cittadino.

A precisa domanda dell’avv. Maurizio Masellis, legale del Comune costituitosi parte civile (assieme a Matteo d’Ingeo rappresentato dall’avv. Bartolo Morgese), si è evidenziato come tale installazione occupasse oltre al marciapiede anche parte della sede stradale, in una zona ad alta densità di traffico. Il teste ha comunque precisato di aver riservato al transito dei pedoni la parte anteriore della struttura.

Il dipendente comunale Domenico Pisani ha riferito sull’affidamento, in occasione del veglioncino del Carnevale Molfettese 2005, dell’incarico di vigilanza del PalaPoli all’istituto privato La Securpol srl, pur essendo prevista la presenza della Polizia Municipale.

L’argomento era stato già trattato nella controversa udienza dello scorso 11 giugno in cui era stato chiamato a deporre dal Pm l’ex assessore allo Sport Mario Cantatore. Nel corso dell’audizione del teste è emerso che il comitato organizzatore (di cui Pisani era segretario verbalizzante) era privo della figura di presidente, sostituita da quella di coordinatore, nella persona di Cantatore.

Il 16 dicembre compariranno davanti alla corte formata dai giudici Cesaria Carone (presidente), Lorenzo Gadaleta e Francesco Messina (a latere) altri testimoni a discarico. Tra questi, oltre a Fabia Garatti, l’ex sindaco Tommaso Minervini, l’ex assessore Antonio Ancona e Giacomo Spadavecchia, attuale assessore al marketing territoriale.

Lascia il tuo commento
commenti