Ancora incendi di auto. E il Liberatorio promette manifestazioni

Brucia un'auto nel rione Paradiso. Proprio nella serata di ieri il movimento civico ha lanciato la sua iniziativa popolare per cercare di fare luce sul fenomeno

Cronaca
Molfetta giovedì 30 settembre 2010
di La Redazione
© MolfettaLive.it

Bruciano ancora auto nella notte molfettese. L'ultimo rogo spento dai vigili del fuoco intorno all'una di questa notte nel rione Paradiso in via canonico de Beatis.

Poche ore prima, nella sede del Liberatorio Politico, si era tenuta un'assemblea convocata per lanciare iniziative di sensibilizzazione al fenomeno.

Le ipotesi dell'autocombustione o del corto circuito non convincono gli iscritti al movimento civico, che lamentano anche il silenzio della politica cittadina. L'unico partito che finora ha partecipato alle assemblee pubbliche nella sede del Liberatorio è stato quello della Rifondazione Comunista, ieri rappresentato da Beppe Zanna. Pochi, a dire la verità, anche i cittadini.

Nell'occasione, il coordinatore Matteo d'Ingeo ha lanciato "E domani a chi toccherà?", iniziativa per ricostruire la mappa dei roghi degli ultimi anni. Numerose la date a partire dal 27 febbraio 2008: non solo auto, ma anche esplosioni a danni anche di attività commerciali.

«Non possiamo convivere con la preioccupazione che la nostra auto prenda fuoco; o di assistere inermi dalle nostre finestre a botti e fiamme», hanno affermato i presenti.

I cittadini sono stati invitati a segnalare sul blog del Liberatorio roghi e botti di cui non è stata data notizia. Intanto, c'è chi pensa ad altre forme di protesta o divulgazione di ciò che sta accadendo nel cuore delle notti da un po' di anni a questa parte.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mike_79 ha scritto il 01 ottobre 2010 alle 14:22 :

    Sono d'accordo con te ... ovviamente il livello d'idiozia di costoro è uguale a quello di chi imbratta la passerella pedonale tra rione Paradiso e il lotto 10 (sottopassaggio ferroviario). Rispondi a Mike_79

  • papangelo ha scritto il 01 ottobre 2010 alle 09:00 :

    I bastardi hanno dato fuoco ad una macchina parcheggiata in uno stallo per disabili. Vergognatevi a chiunque sia stato. Bastardi Rispondi a papangelo