Da “Amato +8” ad “Amato +6”: condannati Zaza e Piccolantonio. Rinviati a giudizio gli altri imputati

Le pene sono già scontate per via dell'indulto. Pino Amato e tutti gli altri rinviati a giudizio ad eccezione di Giovanna Anna Guido, la cui posizione è stata stralciata.

Cronaca
Molfetta giovedì 21 febbraio 2008
di La Redazione
© MolfettaLive.it

Due imputati condannati a tre anni e un anno di reclusione, sette rinviati a giudizio: è questa la sentenza emessa dal GUP (Giudice dell'Udienza Preliminare) del Tribunale di Trani Maria Teresa Giancaspro nell’ambito del procedimento cosiddetto “Amato +8”.

Alle accuse di corruzione, concussione, voto di scambio, abuso d’ufficio e falso ideologico si è giunti dopo indagini condotte per mezzo di intercettazioni telefoniche e ambientali.

Il principale imputato Pino Amato, all’epoca dei fatti Assessore alla Polizia Municipale, è accusato di aver abusato della sua funzione di pubblico ufficiale attivandosi per creare, insieme agli altri imputati, una rete di contatti atta a creare un serbatoio di voti per sé e per altri.

Tale serbatoio di voti sarebbe stato utilizzato per sé durante le Elezioni Amministrative del 2006 (che l’hanno visto trionfare con il record di 999 suffragi) e nelle Elezioni Regionali 2005 in favore del candidato di Forza Italia Massimo Cassano (eletto con 10.835 voti, 1.707 dei quali ottenuti a Molfetta).

L’udienza si è tenuta questa mattina nell’aula delle Udienze Preliminari del Tribunale di Trani alla presenza degli imputati Amato, De Michele e Pazienza.

La sentenza è giunta alle ore 13.00. Tra il pubblico anche il segretario di A.N. Francesco Armenio.
Nella prima fase, durata mezz’ora, si è dato spazio ad alcune repliche relative a determinati capi di imputazione, non affrontati nel dibattimento del 10 gennaio.

Vincenzo Zaza ex Tenente di Polizia Municipale e Gianfranco Michele Piccolantonio Ufficiale di Polizia Municipale sono stati condannati rispettivamente a tre e un anno di reclusione, ma non sconteranno la pena beneficiando dell’indulto. I due avevano chiesto il patteggiamento ammettendo, quindi, la loro colpevolezza.

Gli altri sette imputati sono stati rinviati a giudizio.

Confermati, quindi, tutti i capi d’imputazione ad eccezione di uno, relativo a presunte pressioni dell’Amato verso una donna non meglio identificata, al fine di “organizzarsi “ con la gente del suo quartiere in cambio di un lavoro e verso più persone non identificate in cambio di un impiego part time presso il Centro Ed. Diurno per Disabili del Comune di Molfetta gestito dalla Cooperativa Sociale GEA a r.l.

Entrambi i fatti riguarderebbero le elezioni comunali 2006. L’accusa in quest’ultimo caso è decaduta per l’impossibilità di identificare i soggetti in questione.

Nella mattinata il Pubblico Ministero Giuseppe Maralfa aveva chiesto il rinvio a giudizio per gli imputati, rimarcando per Amato la concussione prospettando anche il reato di violenza aggravata privata con coercizione per fini elettorali, e per l’ex dirigente comunale De Michele abuso d’ufficio, in concorso con l’ex assessore.

L’assistente del legale di Amato ha ribadito la non diretta relazione tra le conversazioni intercettate e l’effettivo voto politico, sostenendo fossero un semplice pour parler, senza alcun fine reale.

L’estraneità ai fatti del proprio assistito è stata ripetuta anche dal difensore di Pazienza, in merito all’accusa di aver costretto o indotto in concorso con Amato, I.A. a “mettersi a disposizione” in vista della campagna elettorale in cambio di un lavoro.

Il Comune di Molfetta non ha ancora sciolto il riserbo sulla sua eventuale costituzione di parte civile.
L’udienza del processo di primo grado ad Amato e gli altri sei imputati si terrà il 27 maggio presso la Sezione Collegiale del Tribunale di Trani.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • vikivirtus ha scritto il 18 marzo 2008 alle 00:58 :

    Chiccovito FOR PRESIDENT, P.A. porterà pure in dote i 999 pecoroni, ma spero che ne tolga diciamo 2000 voti alla coalizione del PD, tra cui il mio, perchè QUESTA CANDIDATURA E' EMBLEMATICA DELLA SERIETA' E MORALITA' DI QUESTI POLITICANTI DA STRAPAZZO CHE FAREBBERO E FANNO DI TUTTO PUR DI ARRIVARE AL "POTEREEEEE..." Rispondi a vikivirtus

  • chiccovito ha scritto il 23 febbraio 2008 alle 11:32 :

    coli il PD ha fatto l'inciucio all'interno del "nuovo" partito con l'elezione del coordinamento cittadino per acclamazione. Come mai?. Oddio, il trucco c'è basta vedere i nomi di chi fa parte nel coordinamento cittadino (Altomare Annalisa, Cives Domenico, De Nicolo Pietro, Minervini Guglielmo, Sallustio Nino, Salvemini Mino, Spadavecchia Enza). Dove sono le persone nuove? Dell'inciucio se nè ravveduta Maddalena Salvemini che contro le logiche di partito di è tirata indietro. Rispondi a chiccovito

  • Coimbra ha scritto il 23 febbraio 2008 alle 10:10 :

    Le cooperative rosse,il processo sme,ecc.Tutti parlano di nuovo,di svolta,di cambio,ecc. ma a qualcuno basta vedere un nuovo simbolo o un nuovo nome di un partito per non osservare che sulle poltrone ci stanno sempre le solite facce votate da noi che poi abbiamo pure il coraggio di lamentarci!Siamo un caso senza speranza. Rispondi a Coimbra

  • chiccovito ha scritto il 23 febbraio 2008 alle 10:06 :

    nichita non ho capito cosa significa casa mia.Io non sono un politico,ho votato l'ulivo alle ultime elezioni politiche ma mi ha deluso anzi diciamo che tra aumenti di tasse, aumenti di prezzi, indulto e una finanziaria a favore delle imprese e non dei lavoratori (lo dice montezemolo)sono rimasto schifato. A questa tornata voterò a destra sempre che mi diano le garanzie giuste. NON CREDO A QUESTO NUOVO PARTITO DEL PD.Mi avete deluso ora basta. Rispondi a chiccovito

  • seergio77 ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 19:49 :

    Destra.. sinistra.... su giù centro... ma a chi gliene importa più!! Siete ancora lì a parlare di partiti, quando l'essenza del problema non è di che colore sei, ma SE SEI SPORCO!! Cosa c'è di tanto assurdo nel chiedere a queste persone di FARSI DA PARTE? In fondo dobbiamo TUTTI ammettere che si tratti di quella che dovrebbe essere la prima regola della Politica. EdInvece di essere d'accordo, state lì a darvele di santa ragione e a metterala sempre sul colore politico e sul personale!! Rispondi a seergio77

  • nichita ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 15:24 :

    chiccovito..sentir parlare te di coerenza mi da un idea di quanto siamo messi male..invece che invocare grillo,dovresti guardare un po di piu in casa tua piuttosto che al pd.. a smentita di quel ke dici,vista la pochezza dei tuoi interventi,mi sembra che il popolo delle libertà sul tuo tema dei condannati abbia avvallato una proposta mai attuata finora..essa e' arrivata dal pd..chiccovito,potrei continuare all'infinito ma ho capito che gente come te...SI PUO' FARE..un mondo senza chiccovito Rispondi a nichita

  • medievaltotalgirl ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 14:25 :

    Io sono tra lo schifato e il senza parole!Tra politica e polizia municipale non so chi sia più"intrallazzato",spero solo che Amato e la sua comitiva ci risparmino la candidatura...si che questa sarebbe un'azione per la cittadinanza! Rispondi a medievaltotalgirl

  • saxarubra ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 13:02 :

    ps. fate le persone per bene e non pensate sempre negativo, chè porta male! :-) Rispondi a saxarubra

  • saxarubra ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 13:01 :

    non sono affatto d'accordo con coloro che invitano i cittadini a non esprimere il proprio voto. il voto, infatti, oltre che un dovere, è un diritto, e pertanto va esercitato. ci saranno, dico, dei candidati decenti! o forse a nessuno va di votare candidati e partiti che non diano (o promettano)niente in cambio? Rispondi a saxarubra

  • coli ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 12:10 :

    Scusa Chicco mi dici con chi il PD avrebbe fatto inciucio? Mi dici anche se il Popolo della Libertà non candida le persone inserite nell'elenco dei condannati definitivi? Rispondi a coli

  • coli ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 12:08 :

    VERBA VOLANT I 24 CONDANNATI DEFINITIVI IN PARLAMENTO Berruti Massimo Maria Biondi Alfredo Bonsignore Vito Borghezio Mario Bossi Umberto Cantoni Giampiero Carra Enzo Cirino Pomicino Paolo De Angelis Marcello D'Elia Sergio Dell'Utri Marcello Del Pennino Antonio De Michelis Gianni Farina Daniele Jannuzzi Lino La Malfa Giorgio Maroni Roberto Mauro Giovanni Nania Domenico Patriciello Aldo Sterpa Egidio Tomassini Antonio Visco Vincenzo Vito Alfredo 21 Destra 3 Sinistra Rispondi a coli

  • chiccovito ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 11:15 :

    coli... a differenza tua che sei sfacciatamente di sinistra io cerco di essere coerente e di denunciare le cose che non vanno nella destra. Tu continua a credere che il PD è un nuovo partito, con idee nuove, persone nuove e visto che ci sei credi anche in BABBO NATALE così a natale avrai anche tu i doni. COLI SVEGLIATI E DENUNCIA GLI INCIUCI DEL TUO "NUOVO PARTITO". QUESTA E' COERENZA. Rispondi a chiccovito

  • coli ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 10:20 :

    Chiccovito fino a ieri di destra e amico di Azzollini all'improvviso salta sul carro di Beppe Grillo; viva la coerenza. Inoltre fossi io il giudice più che Amato condannerei quei 999 pecoroni che lo hanno votato per dabbenagine ed attentato alla cosa pubblica.. Rispondi a coli

  • chiccovito ha scritto il 22 febbraio 2008 alle 08:44 :

    Fuori gli indagati dal consiglio comunale di molfetta e in galera chi sbaglia altro che indulto così si cambia l'italia. VIVA BEPPE GRILLO.Molfino se non te nè sei accorto siamo in italia dove esiste la libertà di parola, pensiero e opinione. Con i tuoi commenti non farai tacere nè me e nè il popolo molfettese che è stanco di questa situazione. Si vede che sei privo di argomentazioni. Rispondi a chiccovito

  • borobovskyi ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 22:06 :

    .....SENZA PAROLE.... Rispondi a borobovskyi

  • borobovskyi ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 22:06 :

    ..... Rispondi a borobovskyi

  • borobovskyi ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 22:06 :

    ..... Rispondi a borobovskyi

  • avast ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 20:44 :

    ma voi veramente!!ma vi rendete conto che ste persone sono pagate con i nostri soldi e invece di prodigarsi per il bene comune, si prodigano solo per il bene loro e dei loro amici portatori di voti????ma vi rendete conto che se siamo nella "cacca" è colpa di tutte ste persone, di destra, di sinistra,di centro, di tutti sti 20000 politici corrotti pronti a qualunque voltagabbana pur di guadagnarci?? non bisognerebbe neanche andare a votare dinanzi a cotanta feccia(sia di destra che di sinistra)! Rispondi a avast

  • cicciorana ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 19:19 :

    W chiccovito...!!! Rispondi a cicciorana

  • Osservatrice ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 19:14 :

    Mi sa che in questo paese si è giustizialisti o garantisti a seconda delle convenienze. Qui la questione non è se Amato & Co. possono essere considerati colpevoli solo in base ad un rinvio a giudizio. Sicuramente, sino a sentenza definitiva, sono innocenti. Ma credete che in un paese civile gli interessati non avrebbero la sensibilità di non ricandidarsi? In un paese civile, appunto. Molfetta è un'altra cosa!!!! Rispondi a Osservatrice

  • supergianpy ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 19:13 :

    Siamo ancora in attesa di un commento di qualche consigliere comunale di Alleanza Nazionale che sta per ricandidarsi per la pulizia in politica, perché sono importanti i valori, perché ha una considerazione etica della rappresentanza popolare... insomma tutte quelle cazzate che si dicono per ammantarsi di novità e verginità. Rispondi a supergianpy

  • seergio77 ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 19:07 :

    Questo povero chiccovito... dice una cosa SACROSANTA e tutti a dargli addosso.... mica qui c'è qualche parente dei condannati? ahahahah.. vergogna! Rispondi a seergio77

  • Coimbra ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 18:57 :

    Al di là delle sentenze definitive,ma anche quella parte di polizia municipale che ha ammesso le colpe dobbiamo tenerci sul groppone?Un licenziamento è così blasfemo x chi dovrebbe tutelare la giustizia e invece diventa motore di corruzione?Non ho affatto pena x Amato,ma possibile che siano riusciti in tanti anni di politica corrotta ad incastrare solo lui? Rispondi a Coimbra

  • Darkside75 ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 18:56 :

    Giustamente se l'UDC nazionale candida Cuffaro condannato a 5 anni in primo grado, perchè mai certi personaggi della politica molfettese dovrebbero aver pudore per un rinvio a giudizio? (il garantismo, i condoni, gli indulti... a uso e consumo dei disonesti). Quanta nostalgia per la "questione morale" e per l'antico ruolo dei partiti che selezionavano il meglio della società! Rispondi a Darkside75

  • annalisa1 ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 18:52 :

    Chiccovito o come caspita si chiami questo signore , la redazione farebbe bene a filtrare commenti cosi' buzzurri. Ho assistito al processo Amato, perche' gli organi di stampa non scrivono che oggi altri due capi d'imputazione sono stati stralciati dal processo Amato, e che quindi sara' giudicato per UN NONNULLA. CHICCOVITO SI RIPRENDA E FACCIA QUALCOSA DI PIU' UTILE PER LA SOCIETA'. Rispondi a annalisa1

  • loredanazan ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 18:01 :

    Ma questo signor chiccovito, sicuro che aprirebbe i campi di concentramento, sa che siamo in Italia, o la sua ignoranza lo porta nenche a sapere dove abiti e sa questo signor chiccovito che in Italia prima si fanno i processi e poi si condannano le persone e sa questo chiccovito che si accanisce cosi' tanto che le sue elucubrazioni le puo' fare solo in incognito perche' non ha il coraggio di mostrarsi. Chiccovito sia un po' piu' acculturato e un po' meno cafone. Rispondi a loredanazan

  • molfettesedop ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 17:59 :

    Le parole di chiccovito sono sacrosante. Hai commesso reato? bene. In galera, non ti candidi più tutto qui semplice. W Beppe Grillo! Rispondi a molfettesedop

  • molfino ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 16:26 :

    CHICCOVITO SEI RIDICOLO. TACI CHE E' MEGLIO. Rispondi a molfino

  • molfino ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 16:25 :

    Io manderei in galera tutti coloro i quali, pagati dello Stato, invece che lavorare, passano il tempo a sputare sentenze con i soldi ed i computers dello stato, vero CHICCOVITO. VIVA L'ITALIA !!!!!!!!!! Rispondi a molfino

  • coli ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 16:02 :

    Caro chiccovito perchè non aggiungi "per la precisione" dell'informazione che tutti i consiglieri molfettesi rinviati a giudizio per questo e l'altro processo (voto di scambio) sono di centrodestra ed hanno appoggiato il candidato sindaco Antonio Azzollini? Rispondi a coli

  • nichita ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 15:34 :

    chiccovito..ma devi sempre sparare boiate?sai che se rimani in silenzio nessuno ti rimpiangerà?o per lo meno..se proprio devi parlare..e scrivere..usa un minimo di obiettività.. Rispondi a nichita

  • chiccovito ha scritto il 21 febbraio 2008 alle 14:08 :

    tra patteggiamenti e indulto nessuno va in carcere... a questo aggiungiamo che i rinviati a giudizio si candideranno alle prossime elezioni comunali... cos'altro volete?... VIVA L'ITALIA. Rispondi a chiccovito