Un anno fa: tragedia alla Truck Center

Alle 15.30 del 3 marzo 2008 l’incidente che costò la vita a cinque lavoratori nella zona Asi di Molfetta

Attualità
Molfetta martedì 03 marzo 2009
di Lorenzo Pisani
© MolfettaLive.it

Quando intorno alle 16.00 arrivò la telefonata della strage, erano in pochi a conoscere il nome e l’ubicazione dell’azienda.

Si giunse sul posto seguendo le auto delle Forze dell’Ordine, in un traffico impazzito. Man mano che ci si avvicinava crescevano le quantità di informazioni e il numero delle vittime. Alla mattina seguente il bilancio segnò il numero 5.

Vincenzo Altomare, 64 anni, Luigi Farinola, 37, Biagio Sciancalepore, 24, Guglielmo Mangano, 44 e anni e Michele Tasca, 19: i cinque lavoratori della ditta di lavaggio industriale che alle 15.30 andarono incontro al loro destino tentando un disperato salvataggio sul fondo di una cisterna.

In poche ore il nome Truck Center fu battuto da tutte le agenzie di stampa, rimbalzò in tutti i tg nazionali, finì sulle prime pagine dei principali quotidiani assieme alle foto di quei teli bianchi adagiati davanti al camion dalla cisterna verde.

Per Molfetta fu uno shock: nel giro di tre giorni gli eventi si susseguirono in una girandola di emozioni e lacrime, amare.

Prima i particolari dell’incidente, poi l’arrivo del Presidente del Consiglio Romano Prodi e la promessa, tardiva come solo le decisioni dei politici riescono ad esserlo, di una nuova legge sulla sicurezza sul lavoro. Poi ancora la manifestazione che portò in 15mila a chiedere sicurezza e giustizia, le autopsie al cimitero e infine il momento dell’addio sul sagrato di una chiesa di periferia.

Un anno dopo ci si interroga ancora su ciò che accadde in quel pomeriggio.

Cominceremo a saperne di più a partire dal prossimo 28 aprile, quando in tribunale sul banco degli imputati si siederanno in sette, tra persone fisiche e aziende: Alessandro Buonopane e Mario Castaldo della Fs Logistica, Pasquale Campanile dirigente della società La 5 Bio Trans, Filippo Abbinante (autista del camion con a bordo la cisterna incriminata), la stessa Truck Center, la Fs Logistica e la La 5 Bio Trans saranno chiamati a rispondere di omicidio colposo.

Per l’accusa fu «un'intossicazione acuta da acido solfidrico» a provocare la morte dei cinque.

La procura di Trani nella sua ricostruzione del percorso del cargo ha stabilito che non fu lo zolfo la causa dei decessi, ma l’acido formatosi a seguito dello svuotamento della cisterna, che quel giorno doveva essere pulita per poi trasportare acido solforico.

Ad affidare all’azienda molfettese – nata da pochi mesi - l’incarico era stata la ditta La 5 Bio Trans, che a sua volta aveva stipulato il contratto di rimessaggio con la Fs Logistica che si occupa del trasporto su rotaia delle cisterne. Per il Pm Giuseppe Maralfa inoltre l’azienda molfettese non avrebbe messo in atto le misure adeguate per la protezione dei lavoratori.

La difesa dell'azienda molfettese, rappresentata dall’Avv. Maurizio Altomare, fa leva «sulla presenza inaspettata e imprevedibile della sostanza che ha causato la morte e sull’esperienza del titolare, Vincenzo Altomare, che per trent’anni aveva esercitato la professione di autotrasportatore, proprio di cisterne di zolfo.

Non c’è stata omissione – prosegue il legale – perché i lavoratori disponevano dei mezzi adeguati al trattamento di ciò che ci si aspettava di trovare nella cisterna».

Dopo aver avuto l’autorizzazione ad adempiere ad alcune prescrizioni della Asl, la prossima mossa delle difesa sarà quella di ottenere il dissequestro dell’area, ad oggi utilizzata esclusivamente come autoparco.

Un autoparco sovrastato da un presenza silenziosa e ingombrante di quella cisterna verde, oggi ancora lì.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • sogiust ha scritto il 03 marzo 2009 alle 16:03 :

    ad un anno da quel tragico episodio è difficile rivedere tutte le foto, emozionante; quelle persone vanno ricordate come eroi. Rispondi a sogiust

  • serry ha scritto il 03 marzo 2009 alle 14:56 :

    è una vergogna k i tg nn ha riportato alcun servizio sulle morti della truck center ma per fortuna ci sarà sempre molfetta k vi ricorderà e sosterrà le ragioni dei vostri parenti k hanno xso i propri cari ingiustamente, solo x nigligenza di qlk1 k si trova più su...vicini al dolore delle famiglie, un dolore k resterà eterno...Biagio srai sempre nei nostri cuori Rispondi a serry