La testimonianza di un residente del quartiere

Baby gang ed episodi di vandalismo in zona stazione

"Si divertono a vandalizzare i parcheggi interrati della zona, distruggendo ogni suppellettile che trovano a tiro"

Cronaca
Molfetta sabato 13 febbraio 2021
di Alessia Sciancalepore
Stazione di Molfetta
Stazione di Molfetta © n.c.

È ormai tristemente conclamata la presenza, in alcuni quartieri della città, di alcune baby gang. 
Questi gruppi di minorenni, perlopiù di età compresa tra i 14 e i 16 anni, hanno fatto parlare di sé per i recenti episodi di aggressione consumatisi nei pressi del sottopassaggio della stazione.

Tuttavia, questo, non è l’unico episodio che vede protagonisti i giovani delinquenti.
“Da diverso tempo, via Binetti, alle spalle della stazione, è diventata teatro di un vandalismo incontrollato. A partire dalle 18.00, si formano gruppetti di persone; presumibilmente le stesse che compongono la baby gang dei recenti fatti. Si divertono a divellere barbaramente gli estintori collocati nei parcheggi interrati e a gettarli per strada, distruggendo ogni tipo di suppellettile della zona”. 

Queste, le parole di un residente del quartiere ormai logorato da una situazione che, da tempo, risulta totalmente fuori controllo. L’impossibilità di trovare una soluzione ed un’apertura di dialogo con questi ragazzi hanno portato i residenti a maturare una reale insofferenza per lo stato delle cose.
“Questa baby gang fa la spola tra la stazione e piazza Vittorio Emanuele – prosegue il segnalatore – Nonostante siano state allertate le autorità e ci sia stato un loro intervento, non c’è stato alcun cambiamento: questi ragazzi hanno continuato a perpetrare le loro azioni di vandalismo all’interno dei parcheggi che, in quanto aperti fino alle 21.30, restano per il tempo antecedente alla mercè di tutti”.

La precarietà della situazione ha indotto i residenti ad un’ulteriore riflessione.
“In vista dell’imminente inaugurazione della nuova velostazione, è bene prendere provvedimenti preventivi per evitare che anche questa nuova infrastruttura venga danneggiata dai teppisti”.

La sensibilizzazione ad un maggiore controllo su questi eventi trova ragion d’essere anche in altre forme di inciviltà che dilagano nella zona e che riguardano gruppi di ragazzi, a quanto riportato dallo stesso segnalatore, di età più grande. 
“Sostano in zona – conclude – e consumano alcolici, lasciando le bottiglie per strada o scaraventandole sui muri che costeggiano la ferrovia. Oltre a fare illegalmente assembramenti e disturbare la quiete pubblica con musica e schiamazzi”.

Lascia il tuo commento
commenti