L'attacco nella notte

Nave italiana attaccata in Messico dai pirati, anche un molfettese a bordo

Il figlio del membro dell'equipaggio su Facebook: "Nonostante la grande paura, ora mio padre sta bene"

Cronaca
Molfetta martedì 12 novembre 2019
di La Redazione
Nave REMAS
Nave REMAS © n.c.

E' una notizia rimbalzata in queste ore su tutti i notiziari nazionali, quella dell'attacco alla nave di rifornimento REMAS nel Golfo del Messico da parte di un gruppo di pirati, che hanno derubato l'equipaggio e ferito alcuni dei lavoratori presenti sull'imbarcazione.

Fra questi, vi era anche il molfettese Vincenzo Grosso. A dare notizia, il figlio Guglielmo con un messaggio social, che rassicura amici e parenti. "Nonostante la grande paura e le ferite rimediate - scrive Guglielmo riferendosi al padre - ora sta bene grazie ai soccorsi della capitaneria del Messico e alle immediate cure ricevute in ospedale".

Momenti di tensione e spavento, che per fortuna non hanno causato tragiche conseguenze all'equipaggio della nave italiana.

Lascia il tuo commento
commenti