Il discorso del sindaco tra primo caso positivo a Molfetta, sospensione dei distributori automatici e fake news

Coronavirus, primo caso a Molfetta

Si tratta di una persona in quarantena obbligatoria perché proveniente da fuori regione. Il sindaco tranquillizza la città

Cronaca
Molfetta lunedì 16 marzo 2020
di La Redazione
Tommaso Minervini
Tommaso Minervini © n.c.

Nel resoconto giornaliero delle 19 Tommaso Minervini annuncia il primo caso positivo al Covid-19.

"Saranno settimane difficili, ve lo avevo preannunciato - esordisce il sindaco - dobbiamo evitare di fare circolare notizie false e procurare allarmi ingiustificati. Già la tensione e il peso di queste giornate sono duri, veniamoci incontro, non facciamo gli imbecilli a mettere notizie false in giro. Ho già denunciato di persona chi mette notizie false in giro".

"Continuiamo ad avere alcune quarantene, circa 40, ovvero persone provenienti dal Nord con l'obbligo di mettersi in quarantena e di essere isolati nelle proprie abitazioni. In uno di questi casi di isolamento, una persona ha avuto febbre, è stata ricoverata al policlinico con un esito positivo da coronavirus, ma sta abbastanza bene. Facciamo tanti auguri per una pronta guarigione. Fortunatamente le misure di isolamento stanno funzionando, per cui il tutto è contenuto e non ci sono altri contagiati. Raccomando chi viene da fuori regione a mettersi in isolamento obbligatorio", è l'annuncio di Tommaso Minervini, che comunque rassicura i cittadini.

"Ho dovuto disporre la chiusura dei distributori automatici di bevande H24 per una ulteriore misura preventiva per la tutela della salute pubblicato", chiude il sindaco prima di ricordare i soli motivi per cui è consentito uscire di casa

Lascia il tuo commento
commenti