La suggestiva facciata della chiesa del Purgatorio ha fatto da sfondo ad un evento che, dal 2017, rappresenta un punto fermo nel panorama culturale della nostra città

Grande successo per la prima serata di Conversazioni dal Mare

"Conversazioni dal mare" continua questa sera

Cultura
Molfetta venerdì 09 luglio 2021
di Alessia Sciancalepore
Conversazioni dal mare 2021
Conversazioni dal mare 2021 © n.c.

Ieri sera, si è ufficialmente aperta la tre giorni di "Conversazioni dal mare", il progetto culturale che vede Molfetta trasformarsi in un salotto letterario di attualità e confronti, tra giornalisti, autori e grandi ospiti a confronto.
La suggestiva facciata della chiesa del Purgatorio ha fatto da sfondo ad un evento che, dal 2017, rappresenta un punto fermo nel panorama culturale della nostra città.

A rompere il ghiaccio, nella calda serata di ieri, l'intervento di Assuntela Messina, sottosegretario di Stato con delega alla Transizione digitale, e Dante Altomare, vicepresidente di Exprivia, grande realtà imprenditoriale molfettese. Temi centrali, la transizione digitale e la sostenibilità economica. 
Un confronto quanto mai calzante, in un periodo come quello che abbiamo vissuto durante lo scorso lockdown e  che certamente sarà impattante anche nell'immediato futuro. Si è parlato di risorse, di accessibilità e di innovazione, nella prospettiva di una ripartenza dell'imprenditoria di cui si ha estremo bisogno.

A seguire, il contributo di Federico Zatti che ha presentato il proprio libro: "Una strana nebbia. Le domande ancora aperte sul caso Moby Prince". Un caso, questo, ancora irrisolto dopo quasi 30 anni. Una terribile tragedia che ha coinvolto da vicino anche Molfetta la quale, in quella orribile notte del 10 aprile 1991, perse ben quattro suoi concittadini. Ieri sera, ad accompagnare l'intervento di Zatti, proprio uno dei figli delle vittime della tragedia: Emanuele Abbattista. Un confronto intenso, toccante, carico della determinazione di chi, dopo tre decadi, non si è ancora arreso di fronte ad una verità nascosta.

A chiudere la serata, Nicola Lagioia. Premio strega 2015 ed attuale direttore del "Salone del Libro di Torino", Lagioia ha presentato il suo ultimo prodotto editoriale: "La Città dei vivi". Un romanzo decisamente distante dalla tradizionale direzione letteraria dell'autore, tuttavia, vivido e attuale come solo la narrazione di un efferato fatto di cronaca sa essere. L'autore è stato inoltre premiato, proprio ieri sera, con il premio "Conversazioni dal mare", chiudendo in bellezza una serata densissima di spunti e di cultura.

"Conversazioni dal mare" continua questa sera; regalerà, a quanti vorranno seguire l'evento, un momento di piacevole arricchimento e di indiscutibile riflessione sui temi più stringenti della nostra attualità.

Lascia il tuo commento
commenti