La ricorrenza

Trent'anni di Edizioni La Meridiana

Il 20 gennaio alle 18,30 il racconto su don Tonino "Oltretutto", scritto e interpretato da Michele Santeramo

Cultura
Molfetta giovedì 12 gennaio 2017
di La Redazione
Trent'anni di Edizioni La Meridiana
Trent'anni di Edizioni La Meridiana © n.c.

Trent’anni non sono affatto pochi per una casa editrice nata alla fine degli anni Ottanta in quello che era ancora sentito e coltivato come un luogo periferico rispetto ad ogni idea di sviluppo, e di sviluppo culturale innanzitutto: il mezzogiorno.

Eppure in Puglia, e a Molfetta, in quegli anni si sperimentavano e condividevano esperienze di cambiamento che avrebbero dato vita a processi acquisiti come innovativi e anche radicali solo molti anni dopo.

Erano gli anni di inizio di episcopato di don Tonino Bello capace di coinvolgere e valorizzare talenti e percorsi di vita in un processo di rinascita fortemente radicato nelle proprie radici e capace di guardare oltre i propri limiti e verso orizzonti comuni.

Anni a premessa di cambiamenti che avrebbero interessato la Puglia con maggiore consapevolezza negli anni successivi ma anche stravolto l’idea del mezzogiorno: da arco ad arca. Da lembo estremo dell’Europa ad avamposto del mondo che da est e da sud del pianeta ci chiede di stravolgere e ridisegnare l’idea stessa di globalizzazione e di comunità.

La meridiana come esperienza editoriale nasce allora grazie all’intuizione di giovani ambiziosi e tenaci nel loro pensarsi protagonisti di cambiamento: Guglielmo Minervini fondatore del progetto editoriale ci aveva visto giusto insieme ai tanti che allora diedero vita alla cooperativa la meridiana.

Un catalogo cresciuto negli anni sui temi della nonviolenza attiva, quella che oggi Papa Francesco definisce misura dell’impegno politico, sociale ed educativo  ‘stile di vita che diventa sempre più un’esigenza di responsabilità a tutti i livelli, dall’educazione familiare, all’impegno sociale e civile, fino all’attività politica e alle relazioni internazionali’ respingendo ‘la violenza come metodo di risoluzione dei conflitti per affrontarli invece sempre mediante il dialogo e la trattativa’.

Con e non contro. Dal basso. Processi e non solo progetti, libri utili e necessari: questo è il senso che si dispiega nelle collane e nei singoli titoli, la tensione editoriale che si misura nella scelta e nelle proposte ma anche nella capacità di coinvolgere da sempre autori e lettori nell’idea che la cultura sia un elemento necessario per migliorare la vita di ognuno e delle comunità. Sperimentazione e audacia.

Mario Lodi, Thomas Gordon, Carl Rogers, mons Bettazzi, Alex Zanotelli, Paola Scalari, Francesco Berto, Domenico Seccia, Jerome Liss, Daniele Novara, MichaelDavide Semeraro, Gaillot, Drewermann e Castillo, Centro Sportivo Nazionale e UISP nazione, l’Istituto dell’Approccio Centrato sulla persona ma anche Ariele Psicoterapia e l’Ordine degli Assistenti sociali di Puglia, Alberto Terzi il Consorzio Gino Mattarella, Goffredo Fofi, Grazia Honneger Fresco e il circuito Centro nascita Montessori,  Diego Miscioscia del Centro Minotauro, Giuseppe Maiolo, Anna De Vanna autori che hanno con i loro testi e la loro ricerca hanno fatto dell’intuizione editoriale inziale la strada maestra insieme agli oltre 700 autori e 550 titoli in catalogo.

Punto di riferimento oggi per chi si occupa di educazione non solo insegnanti ma anche genitori, operatori sociali, di chi immagina il cambiamento come generatore di opportunità e aspirazioni condivise dalle e dentro le comunità, di chi vive la fede non come riparo nel divino ma come scoperta del sacro nell’altro.

‘’Trent’anni- dicono dalla casa editrice – sono un buon tratto di strada percorso. È stato ricco di opportunità e sfide sempre accolte e affrontate. La consapevolezza oggi è che le nostre radici sono bel collocate nel tempo ricco nel quale siamo nati, che siamo ciò che siamo grazie ai compagni di strada e ai maestri che la nostra ricerca editoriale ci ha permesso di incontrare e far incontrare ai nostri lettori. Come tutte le esperienze pioniere c’è poi un tempo in cui le idee si fanno mature e diventano bisogni e prospettive condivise. Oggi sentiamo che questo è il tempo in cui la sfida culturale iniziale si colloca con ragioni più incalzanti”.

“Radici e maestri – aggiungono- è il tema che farà da filo rosso in questo anno nelle occasione che coglieremo e costruiremo. Intanto, per cominciare, il 20 gennaio alle 18,30 nella nostra sede ci faremo accompagnare dal racconto su don Tonino scritto e interpretato da Michele Santeramo ‘Oltretutto’. Esistono vite che cambiano le vite, è l’espressione che ritorna come un ritornello nello spettacolo di Santeramo. Sicuramente don Tonino ha cambiato la vita di molti. Da lì ci piace partire per fare gli auguri a noi e a tutti i nostri lettori e autori, ai compagni di viaggio, ai maestri che ancora ci sono e a quelli che da altri luoghi ci accompagnano ancora.’’

In occasione dei 30 anni dal 12 al 22 gennaio la casa editrice propone ai suoi lettori anche sconti e promozioni. Inoltre fa dono ai suoi lettori del libro pubblicato nel 1987 ‘Il mito e l’archetipo nella fiaba’  in formato pdf. Chi lo volesse può richiederlo a ufficiostampa@lameridiana.it.

Lascia il tuo commento
commenti