La nuova struttura

Molfetta e il grande "sogno" del teatro, questa mattina la presentazione

Sono intervenuti il sindaco Minervini, gli assessori Allegretta e Caputo, l'ing. Marsano e Michele Mirabella

Cultura
Molfetta sabato 16 marzo 2019
di La Redazione
La presentazione del nuovo teatro
La presentazione del nuovo teatro © Molfettalive.it

L'amministrazione comunale apre il sipario sul nuovo teatro di Molfetta. Questa mattina, alle 11 presso la Cittadella degli Artisti, si è tenuta la presentazione di quella che è destinata ad essere una delle più importanti opere pubbliche della storia recente della città. "Un sogno", così come più volte definitivo dal sindaco Tommaso Minervini, che ne ha poi pian piano svelato le caratteristiche, in un evento in cui sono intervenuti anche Sara Allegretta, assessore alla cultura, Mariano Caputo, assessore ai lavori pubblici, il maestro Michele Mirabella, voto noto della televisione ma anche famoso registra teatrale e l'ing. Alberto Marsano, progettista della grande opera.

"Dopo il 1902 non ci sono stati teatri pubblici a Molfetta. Ci riappropriamo di una casa della cultura dopo quasi 120 anni", con queste parole colme d'orgoglio, Tommaso Minervini ripercorre la storia dei teatri a Molfetta, raccontando come abbia accettato la missione di ricreare una grande struttura teatrale a Molfetta, già dai primi mesi di amministrazione. "E' un processo che va chiuso in questa consiliatura - prosegue il primo cittadino - il rischio è quello che la prossima amministrazione blocchi tutto, non possiamo permettercelo. Tra cento dobbiamo essere ricordati come coloro che hanno riportato il teatro a Molfetta".

"Ci vuole coraggio a investire in cultura e lo stiamo facendo - sottolinea invece Sara Allegretta - dicono che a Molfetta questa grande opera non serva, che non ci siano i contenuti. I contenuti sono tutti gli operatori che ho incontrato in questo anno e mezzo, che hanno lavorato e fatto lievitare l'offerta culturale di Molfetta".

Non risparmia qualche critica, Michele Mirabella, entusiasta del rilancio culturale della città di Molfetta, lui bitontino e quasi nostro conterraneo. Al contempo, sottolinea come creda fortemente che sia necessario di riappropriarsi di una vera cultura teatrale: "Siamo pieni di non luoghi. Io mi auguro che a Molfetta nasca un teatro vero, chiamate i teatranti per pensarlo, non solo architetti e ingegneri. Non dobbiamo creare un supermercato adattato. Consiglio di ridurre i posti, perché riempire i teatri è difficilissimo. State poi alla larga dal dilettantismo allo sbaraglio". Rivela poi il suo particolare legame con Beniamino Finocchiaro, scatenando involontariamente i ricordi di Tommaso Minervini, legatissimo anche lui allo storico politico molfettese.

Dopo i primi interventi, si entra nel vivo e si scoprono le carte del progetto di fattibilità: 3000mq di superficie edificata che sorgerà alle spalle della scuola elementare Giulio Cozzoli, 1200 posti tra platea e balconata, materiali di altissima qualità come il legno lamellare, gli involucri in vetro, i pannelli fotovoltaici. 170mq di palcoscenico, 50 orchestrali. Parliamo di una struttura imponente e polifunzionale che potrà ospitare opera, balletto, musica sinfonica, proiezioni, teatro circo, ma anche convegni e concerti. Possibile l'edificazione in 30 mesi, con una cifra stanziata di 7.000.000.

"La particolarità è che i soldi non dobbiamo andarli a cercare, ci sono già. Abbiamo rivoltato il bilancio", così Minervini, rivendicando come ci siano già punti fermi per la realizzazione dell'opera. Adesso, il momento del confronto, ma sulla base di proposte già strutturate.

Mariano Caputo, sottolinea come sia necessario creare ora un coinvolgimento nei cittadini e come il teatro si inserisca come una "complessa appendice di opere, per una spesa complessiva di 7milioni”

Infine, con l'intervento dell'ing. Marsano si entra più nello specifico. L'obiettivo è infatti quello di creare un'opera ecocompatibile, con materiali sofisticati e sostenibili. La scelta del legno non è casuale, ma necessaria per richiamare la storia dei teatri molfettesi di fine ottocento, tutti in legno.

Molfetta dunque si prepara a vedere realizzato il sogno di un grande teatro, siamo ancora lontani dall'inizio dei lavori, ma il progetto ha adesso una sua concretezza.