Il libro dedicato al fratello vescovo

Arriva a Molfetta “Caro Tonino”, il libro-tributo di Marcello Bello

Questa sera alle ore 18 la presentazione al Museo Diocesano

Cultura
Molfetta venerdì 03 maggio 2019
di La Redazione
Don Tonino Bello
Don Tonino Bello © n.c.

Questa sera, venerdì 3 maggio, alle 18.00, presso il Museo Diocesano di Molfetta, sarà presentato "Caro Tonino. Appunti e disappunti", il libro-tributo di Marcello Bello dedicato al fratello vescovo.

A Mons. Domenico Cornacchia, Vescovo della Diocesi, saranno affidati i saluti iniziali. Discuteranno del libro Stefano Bello, figlio di Marcello, e Trifone Bello, fratello di don Tonino. Con loro, Giancarlo Piccininni, presidente della Fondazione Don Tonino Bello, e Valentino Losito, giornalista. A moderare la serata sarà Elvira Zaccagnino, direttrice delle edizioni la Meridiana.

“Si tratta del primo libro su don Tonino scritto dalla famiglia. Dopo la presentazione di Alessano, a inizio aprile, non potevamo non immaginare un momento forte, d’intesa con la diocesi in cui don Tonino fu vescovo e soprattutto pastore eretico e presentissimo. Per rilanciare il dialogo con la città su una figura che a Molfetta è ancora in qualche modo presente, vista la forza con cui ha segnato la vita pubblica del territorio”, dichiara Elvira Zaccagnino.

“Nessuna delle pagine del libro, anche quando fa riferimento a situazioni personali, riduce don Tonino a una dimensione privatistica. Anzi. Nel quotidiano incontro nel cimitero di Alessano sulla tomba del vescovo di Molfetta, Marcello scopre e condivide pezzi di vita e profezia di don Tonino e li consegna al lettore. Don Tonino era un convinto promotore della pratica del dialogo. A questo dialogo suo fratello Marcello non ha mai rinunciato ogni volta che la quotidianità o la straordinarietà di alcuni eventi della sua vita, e della Fondazione don Tonino Bello, lo hanno portato a cercare ancora il confronto con il fratello”, prosegue Zaccagnino. “Questa raccolta di interventi, riflessioni, lettere è e anche il modo per ringraziare Marcello, Trifone, le loro famiglie e l’Intera Fondazione don Tonino Bello per il lavoro fatto in tutti questi anni e che è importante non vada disperso soprattutto per la linea da tenere nel declinare al futuro la memoria di don Tonino”, conclude la direttrice di edizioni la meridiana.

Lascia il tuo commento
commenti