La vittoria al ballottaggio

Il nuovo sindaco di Malnate, in Lombardia, è la molfettese Irene Bellifemine

Si è trasferita per gli studi nella città in provincia di Varese ed oggi è la prima cittadina

Politica
Molfetta lunedì 10 giugno 2019
di Adriano Failli
Irene Bellifemine
Irene Bellifemine © n.c.

Quella di Irene Bellifemine è una storia singolare, che nasce come tante altre, ma che porta probabilmente a un finale che non ha precedenti. Sono stati infatti tantissimi i molfettesi che nel corso dei decenni, per studio o lavoro, si sono trasferiti al nord e hanno cominciato ad occupare ruoli importanti in aziende, società, o in altre esperienze lavorative. Irene Bellifemine, invece, è stata eletta sindaco di Malnate, in provincia di Varese.

E' la storia che culmina in questo traguardo, parte come tante altre. Da giovane, la molfettese è stata da sempre attiva nel mondo del volontariato e del sociale, sin da quando frequentava gli scout a Molfetta. "Nel 1991 mi sono trasferita in Lombardia per proseguire gli studi nel campo infermieristico - dichiara ai nostri microfoni - Lì ho messo su famiglia, sposando per altro un molfettese, e riprendendo l'attività nel sociale, supportando soprattutto le mie quattro figlie nell'attivismo scolastico e proseguendo nel frattempo la professione di infermiera".

E' però proprio grazie all'ingresso in una delle più importanti associazioni genitoriali della città, che entrerà poi in contatto con il gruppo civico "Malnate Sostenibile", con cui si candiderà al consiglio comunale alle elezioni del 2016, divenendo poi assessore alla cultura, alle politiche giovanile, città dei bambini, servizi educativi, giovani e sport. Grazie all'esperienza assessorile, è stata poi lanciata come candidata del centrosinistra per questa tornata elettorale, dopo l'elezione del sindaco uscente Samuele Astuti al Consiglio Regionale.

Una esperienza culminata ieri, con la vittoria al ballottaggio contro la candidata del centrodestra. "Purtroppo non torno spesso a Molfetta, ma il legame con la città e con i miei parenti, tutti giù rimane", racconta Irene, non dimenticando le sue origini.

Lascia il tuo commento
commenti