Una vittoria... anche per la città

A Sanremo vince anche Molfetta: Mahmood è gestito dall’etichetta di Jacopo Pesce

Si chiama Island Records e rappresenta uno dei punti di riferimento assoluti della musica

Spettacolo
Molfetta domenica 10 febbraio 2019
di Adriano Failli
Mahmood, vincitore della 69esima edizione del festival di Sanremo
Mahmood, vincitore della 69esima edizione del festival di Sanremo © n.c.

C’è un pizzico di Molfetta nel trionfo di Mamhood alla sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo.

Il cantante che ha trionfato a sorpresa con il brano “Soldi”, battendo la concorrenza di Ultimo e del trio Il Volo, è stato lanciato nel grande vortice sanremese dall’etichetta Island Records, la cui divisione italiana è gestita dal molfettese Jacopo Pesce.

Parliamo di una delle tre realtà nate dalla suddivisione della major Universal Music Italia e che rappresenta un grande punto di riferimento per la musica italiana e internazionale. Jacopo Pesce è infatti la mano silenziosa dietro i successi di big come Fabri Fibra e Marracash e non è un caso che “Soldi” sia stato prodotto da Charlie Charles, altro nome di spicco delle principali hit italiane.

Ma il nostro concittadino è dietro i successi di numerosi altri esponenti della scena musicale italiana tra cui Sfera Ebbasta, Elisa, Guè Pequeno, Carl Brave. Giusto a titolo di esempio.

Insomma, un altro colpo messo a segno da uno dei più grandi discografici italiani, che ora può vantare tra il suo roster anche il fresco vincitore del Festival della Canzone Italiana.

Lascia il tuo commento
commenti