La manifestazione si è svolta l'8 marzo

Amnesty International e Pandora insieme per "I fiori del mio giardino"

Lo spettacolo scritto e interpretato da Corrado La Grasta è partito da storie vere, come afferma Roberta Binetti, Responsabile di Amnesty International Molfetta

Spettacolo
Molfetta domenica 10 marzo 2019
di La Redazione
I fiori del mio giardino
I fiori del mio giardino © n.c.

Sì è svolta l'8 marzo, nel suggestivo “salotto” allestito nell’androne di Palazzo Turtur la manifestazione “I fiori del mio giardino” organizzata dal Gruppo di Molfetta di Amnesty International con la collaborazione del Centro Antiviolenza Pandora in occasione delle giornata internazionale delle Donne. Il tema scelto per la serata, uno dei più duri da affrontare, è stato quello delle spose bambine, una “pratica” molto diffusa in Africa occidentale, soprattutto nelle aree rurali, dove la differenza di età tra una ragazza e il suo futuro coniuge può essere enorme, tra i 30 e i 50 anni.

“Molte di loro sono costrette a sposare uomini che spesso non conoscono nemmeno” ha affermato Roberta Binetti, Responsabile di Amnesty International Molfetta, “rinunciando all’istruzione, all’adolescenza, alla famiglia, alle amicizie. La “dote” che la famiglia riceve dal futuro marito può consistere in denaro, l’uso di terreni agricoli o bestiame.”

Le storie delle ragazze che hanno subìto e si sono ribellate alla pratica dei matrimoni precoci e forzati spiegano meglio di ogni altro dato perché sia importante contrastare questa pratica. Ed è proprio da queste storie vere, di violenze e di abusi, che Corrado la Grasta (Teatro dei Cipis) ha scritto ed interpretato la sua performance teatrale “I fiori del mio giardino”. Un orco barbablù in abito da sposo, con tanto di bouquet, danza solitario una spettrale danza nuziale, e si aggira fra il pubblico regalando alle donne un fiore.

Ad ogni fiore è legata una storia, il racconto di una sposa che il bruto, il marito, declama con disprezzo ed orgoglio: Zalissa, 14 anni, morta dissanguata; Adama, 16 anni, ammazzata perchè urlava troppo; Aisha, 8 anni, uccisa perché voleva scappare. “Ma oggi è festa, ancora la mia festa, chi mi vuole sposare?” chiude così il bravissimo La Grasta, lanciando il bouquet, fra gli applausi della tanta gente intervenuta. “Non dobbiamo pensare che queste pratiche di violenza siano poi così lontane da noi” ha ribadito Valeria Scardigno Responsabile del Centro antiviolenza Pandora “sono tanti i casi di violenza che ci troviamo ad affrontare di donne che si affacciano al nostro sportello”.

Durante la serata era possibile firmare un appello di Amnesty International in favore di 17 donne straordinarie che in 3 continenti lottano con coraggio contro violenze, abusi e discriminazione.

Una giornata della Donna diversa, quindi, quella che si è svolta ieri nella Sala Turtur a Molfetta, avente come obiettivo quello di sensibilizzare e far conoscere il ruolo e il lavoro svolto dalle donne che difendono i diritti umani contribuendo così a fare in modo che sia riconosciuta la loro legittimità, supportando pubblicamente il loro lavoro. Così diversa dalle sterili commemorazioni festaiole all’insegna della mimosa, di cui ieri non si è visto neanche un ramo.

Lascia il tuo commento
commenti