La cronaca del match

Molfetta Calcio, a Fasano arriva il primo punto esterno

Al Curlo di Fasano termina 0-0. Primo punto esterno per gli uomini di Bartoli

Calcio
Molfetta domenica 10 gennaio 2021
di La Redazione
Fasano - Molfetta Calcio
Fasano - Molfetta Calcio © MolfettaLive.it

Secondo match consecutivo a reti inviolate per la Molfetta Calcio che, al Vito Curlo di Fasano, affronta i locali biancoazzurri strappando il primo punto esterno. In un campo pesante, vince l'agonismo di entrambe le compagini, fortemente motivate a voler conquistare l'intera posta in palio: ne nasce un match a tratti interessate con lampi da una parte e dall'altra, ma tanti intermezzi dove a vincere, realmente, è un campo reso quasi impraticabile dalla pioggia delle scorse ore.

I biancorossi, dopo gli applausi strappati nel match casalingo contro Casarano, arrivano a Fasano con l'intento di muovere la classifica. Il Fasano, rivoluzionato nel mercato invernale all'esordio nel 2021 dopo il rinvio del match contro Taranto e un'altra gara ancora da recuperare, vuole scrolarsi di dosso l'ultimo posto che per agonismo e tecnica non dovrebbe appartenerle.

Bartoli riconferma l'undici di tre giorni fa con Rollo in porta, difeso da Forte, Di Bari e Dubaz. A centrocampo, larghi Cianciaruso e Lavopa, nel mezzo Rafetraniaina, Legari e Marolla. In avanti Mingiano e Strambelli. Costantini risponde con il 4-4-2 con Suma in porta, Narese e Brescia terzini e i due argentini Urquiza e De Miranda al centro. Mediani Bernardini e Difino, larghi e molto offensivi Trovè e Lanzone, in avanti l'ex Everton Stracqualursi e l'ex Bari Nadarevic.

E' il Fasano a partire determinato: al minuto 7, sugli sviluppi di un corner, la palla finisce in rete, ma è carica su Rollo. Dopo qualche secondo è Stracqualursi a far tremare la retroguardia molfettese. Poi la grande occasione per la Molfetta Calcio al minuto 13: Mingiano viene steso in area, dagli undici metri va Strambelli che calcia centrale, facendosi ipnotizzare, di piede, dall'ottimo Suma. La gara si fa maschia e l'ultimo sussulto della prima frazione è una debole conclusione di Difino su cui Rollo fa buona guardia.

La ripresa riparte con il Fasano pericoloso sui calci piazzati e la Molfetta Calcio attenta a ripartire creando situazioni interessanti su cui Suma è superlativo. Il Fasano concentra le sue sortite offensive con le punizioni di Nadarevic: alla mezzora Urquiza spizza di testa e va in rete, ma è offside. Qualche secondo dopo, sempre dopo rimpalli su palla da fermo, Rollo è miracoloso su Bernardini. Gli ingressi di Ventura e Triggiani non sortiscono l'effetto sperato.

La tecnica dei vari Legari, Strambelli, Lavopa viene stoppata da un campo pesante. Bene Rafetraniaina e tutta la linea difensiva che, seppur messa a dura prova dagli schemi di Nadarevic, non si è lasciata sorprendere dallo schema biancoazzurro che cercava in Stracqualursi, e negli inserimenti dietro degli altri giocatori, la sua unica via offensiva.

Con questo pareggio gli uomini di Bartoli agganciano il Cerignola, sconfitto 5-3 contro la capolista Casarano, a quota 12 punti, ma sono superati dal Portici, vincitore per 3-0 a Sorrento. Fasano resta ultimo in classifica con 6, punti, in virtù del 2-2 tra Puteolana, anch'essi ultimi, e Picerno. Negli altri risultati di giornata, il Bitonto pareggia 1-1 a Brindisi; stesso risultato tra Lavello e Aversa; pari a reti bianche tra Gravina e Francavilla; il Nardò sorprende 2-1 il lanciatissimo Altamura. Rinviato, causa covid, il derby di alta classifica Taranto - Fidelis Andria.

Domenica prossima la Molfetta Calcio affronta un'altra concorrente per la salvezza, il Gravina, nel fortino del Paolo Poli.

Lascia il tuo commento
commenti