La presentazione del match

Domani al Poli arriva la Real Agro Aversa

I campani sono immischiati nella parte bassa. La Molfetta Calcio cerca la parola matematica per chiudere il discorso salvezza

Calcio
Molfetta martedì 04 maggio 2021
di Angelo Ciocia
Molfetta Calcio
Molfetta Calcio © Gino Conte

Passata l'amarezza per l'inviolabilità perduta del Poli per mano del Fasano, al termine di un pirotecnico 3-4, è tempo di rituffarsi nel campionato per la Molfetta Calcio. Domani, con fischio d'inizio alle ore 15, si recupera il match della nona giornata di ritorno contro la Real Agro Aversa, rinviato per alcune positività nel gruppo squadra campano.

Arriverà al Poli un'altra squadra affamata di punti in un trittico di tre partite in sette giorni che vedrà i molfettesi affrontare domani i campani, domenica il Gravina. Tutte squadre con un obiettivo: evitare la retrocessione diretta e, perchè no, scansare la lotteria dei playout.

Un obiettivo che, seppur manca di matematica certezza, è stato raggiunto dalla matricola terribile Molfetta Calcio grazie ad una sontuosa parte centrale di campionato che ha permesso di mettere fieno in cascina per i periodi torridi.

Al Poli arriverà una formazione ostica, capace all'andata di dominare i biancorossi per 4-1. Tanto è cambiato da quel momento, in primis la consapevolezza dei biancorossi e la voglia di farsi strada nel quarto campionato nazionale. Qualcosa, però, è cambiato anche tra le fila campane: via l'attaccante Simonetti, spazio al giovanissimo tandem Chianese - Messina, neanche quarant'anna in due, ma una coppia gol interessante capace di timbrare 15 volte il cartellino.

In casa Aversa la vittoria manca da esattamente due mesi: dallo scorso 6 marzo ad oggi sono arrivate tre sconfitte sonore (5-0 contro Nardò, 1-0 contro Fasano nello scontro diretto, 4-0 contro la Fidelis Andria) e tre pari contro le quotatissime Taranto, Altamura e Lavello, segno che la squadra e viva e vuole strappare la salvezza.

Attualmente al quattordicesimo posto con 27 punti, i granata campani sono a quattro lunghezze dal Fasano, ad oggi compagine salva.

Al Poli sarà sfida sentita: ci sarà da scrivere un nuovo pezzo di storia sull'inviolabilità del terreno amico. C'è, poi, da chiudere il discorso salvezza con la parola matematica ed essere sereni sul futuro in serie D di una compagine biancorossa che tanto bene ha fatto nel suo primo campionato nazionale dopo 26 anni.

Lascia il tuo commento
commenti